L’elezione del presidente della Repubblica è “impossibile con le vecchie regole”. Per il premier Enrico Letta, intervenuto al festival dell’Economia a Trento, “la settimana vissuta a metà aprile per l’elezione del Capo dello Stato con le regole della Costituzione vigente è stata drammatica per la nostra democrazia”.

“La fatica della nostra democrazia – ha aggiunto – è emersa lì; tuttavia non credo potremmo più eleggere il presidente della Repubblica in quel modo lì, perché assegnare questa elezione a mille persone non è più possibile. Non credo che spetti a me dire quale dovrà essere il modello per la prossima riforma costituzionale. Dobbiamo però rendere possibile che in Italia se ne tratti e lo faremo”, ha concluso, ricordando che “è cambiata la democrazia rappresentativa”.

‘I 18 mesi che ci siamo dati è il tempo giusto per completare l’iter di riforme” ha aggiunto il presidente del Consiglio che ha spiegato che “la riforma del Titolo V della Costituzione va cambiata (quello che riguarda gli enti i loro compiti e le loro funzioni, ndr). E’ da rivedere. Lì dentro c’è qualcosa che non funziona. Siamo qui e dico che non è più tempo di leggi ordinarie che si diano addosso una con l’altra. Se i Costituenti hanno pensato procedure complesse una ragione c’era. Andremo in quella direzione e il Trentino conosce bene i temi con la sua autonomia. Il presidente Napolitano – ha evidenziato – ha ribadito che serve andare in questa direzione”.

E anche su questa questione Pd e Pdl sembrano convergere almeno nelle parole di due rappresentanti. “Con un sistema dei partiti strutturalmente debole e frammentato solo l’elezione diretta dentro un sistema sperimentato, consente di ripartire con efficacia” dice il senatore Stefano Ceccanti (Pd) che risponde a quanti nel partito sono contrari a una forma presidenziale. “Si dice anzitutto che non è ancora il tempo. Ma L’Ulivo aveva messo l’elezione diretta già nella tesi 1 del 1996”. Si parla quindi, prosegue, “del mantenimento della figura di un Presidente garante, che però è tale solo se la fisarmonica dei suoi poteri si espande in situazioni di crisi per poi rientrare in una fisiologia di sistema. Qui però, a causa della crisi radicale del sistema dei partiti, la fisarmonica è invece sempre aperta. Last but not least, Rosy Bindi sostiene sull’Unità di oggi, rivelando qualche deficit informativo, che nessuno studioso del centrosinistra sostiene questa ipotesi” argomenta e nel sostenere vari costituzionalisti a favore del presidenzialismo, nomina anche Giuliano Amato “il primo precursore a sinistra di questa linea istituzionale. Il panorama degli studiosi è quanto meno articolato, nessuno è infallibile, come ricordava ieri giustamente Anna Finocchiaro a proposito del professor Zagrebelsky, e soprattutto la scelta è eminentemente politica, come hanno ben capito tra gli altri Romano Prodi e Walter Veltroni. Con un sistema dei partiti strutturalmente debole e frammentato solo l’elezione diretta dentro un sistema sperimentato, consente di ripartire con efficacia”.

Nel Popolo della Libertà è Maurizio Gasparri a a benedire una riforma tante volte invocata da Silvio Berlusconi: “Abbiamo chiesto a Napolitano di rimanere al Quirinale, contro il suo orientamento, e dobbiamo quindi concordare con la sua vigilanza l’iter delle riforme. Ritengo positiva la evidente evoluzione gollista delle nostre istituzioni e sono impegnato perché si passi da un presidenzialismo di fatto a un presidenzialismo di diritto, introducendo nella Costituzione l’elezione a suffragio universale del Capo dello Stato” dichiara il vicepresidente del Senato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Finanziamento partiti, Bonino: “Non sono fiduciosa, radicali verso referendum”

next
Articolo Successivo

Rimborsi ai partiti, Emma Bonino tra larghe intese e militanza

next