“Ho deciso di non commentare ulteriormente le proposte del Governo, visto che dopo quello che ho detto si è scatenata una polemica pazzesca”. Il sindaco di Firenze (Pd), Matteo Renzi, risponde così a Napoli alla domanda sul disegno di legge presentato ieri in Consiglio dei ministri che prevede lo stop ai rimborsi ai partiti. Sulla legge elettorale spiega: “E’ una legge elettorale fatta apposta per bloccare, è concepita perchè al Senato ci sia un pò di confusione, viene amabilmente chiamata porcata. Ecco perché serve una legge elettorale chiara, che non sia una porcata”. A chi gli chiede, poi, se stia studiando da segretario, Renzi risponde: “Io sto facendo il sindaco di Firenze, sono uno dei pochi che ha scelto di non accettare incarichi o premi di consolazione dopo le primarie. Avrei potuto fare di tutto – continua -, avrei potuto chiedere incarichi a Roma o altro, ma ho scelto di rimanere nella mia città e quindi non sono interessato a tutto il gioco delle trappolone politiche romane. Certo, rivendico il diritto di dire quello che penso, e di chiedere che chi sta a Roma realizzi le cose per cui è pagato dai cittadini”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Più Grillo spacca tutto, più a Roma si brinda

prev
Articolo Successivo

Grillo, Rodotà: la comunicazione e il futuro del M5S

next