Aree interdette, pericoli di crolli, lavori di conservazione iniziati e non finiti, nonostante cartelli impietosi ad indicarne la data di consegna, vigilanza zero. Ecco la Villa Adriana, a Tivoli (Roma), dal 1999 patrimonio dell’Unesco. Un capolavoro mondiale che paga i tagli costanti alla cultura e alla valorizzazione del nostro tesoro archeologico e monumentale. Il viaggio inizia da dove eravamo partiti oltre un anno fa: dai servizi igienici all’ingresso, rigorosamente chiusi e in rifacimento, e prosegue lungo i 40 ettari della magnifica residenza dell’imperatore Adriano dove si alternano aree chiuse, transenne e divieti di transito. Il personale fa quello che può sottodimensionato rispetto alla necessità. “I soldi non ci sono e quando arrivano si interviene dove è più urgente” racconta uno sconsolato vigilante. Un anno fa la villa ha rischiato di subire l’onta di una discarica a poche centinaia di metri. A distanza di 12 mesi, scongiurato quel pericolo, la magnifica ‘dimora’ di Adriano aspetta ancora il rilancio di Nello Trocchia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Metalli preziosi, Onu dà il via libera alle licenze per cavi nei fondali oceanici

next
Articolo Successivo

Nucleare: se in Corea del Sud le centrali usano pezzi di ricambio ‘taroccati’

next