Aree interdette, pericoli di crolli, lavori di conservazione iniziati e non finiti, nonostante cartelli impietosi ad indicarne la data di consegna, vigilanza zero. Ecco la Villa Adriana, a Tivoli (Roma), dal 1999 patrimonio dell’Unesco. Un capolavoro mondiale che paga i tagli costanti alla cultura e alla valorizzazione del nostro tesoro archeologico e monumentale. Il viaggio inizia da dove eravamo partiti oltre un anno fa: dai servizi igienici all’ingresso, rigorosamente chiusi e in rifacimento, e prosegue lungo i 40 ettari della magnifica residenza dell’imperatore Adriano dove si alternano aree chiuse, transenne e divieti di transito. Il personale fa quello che può sottodimensionato rispetto alla necessità. “I soldi non ci sono e quando arrivano si interviene dove è più urgente” racconta uno sconsolato vigilante. Un anno fa la villa ha rischiato di subire l’onta di una discarica a poche centinaia di metri. A distanza di 12 mesi, scongiurato quel pericolo, la magnifica ‘dimora’ di Adriano aspetta ancora il rilancio di Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Metalli preziosi, Onu dà il via libera alle licenze per cavi nei fondali oceanici

prev
Articolo Successivo

Nucleare: se in Corea del Sud le centrali usano pezzi di ricambio ‘taroccati’

next