Le elezioni amministrative dello scorso 26 e 27 Maggio sono state segnate dal crollo dei consensi per il Movimento 5 Stelle. La notizia ha infiammato i commentatori politici, che hanno individuato nell’errata strategia comunicativa del Movimento 5 Stelle (che era stata il punto di forza alle Politiche dello scorso febbraio) e nella mancanza di segnali reali (se si escludono le tiritere legate ai rimborsi) dalla data di insediamento dei parlamentari grillini i motivi della caduta del giovane movimento.

Ma sono davvero questi i motivi della débâcle grillina? Prendendo spunto da un articolo di Tommaso Nannicini e Luca Riva, abbiamo studiato in dettaglio le determinanti del risultato delle elezioni politiche dello scorso febbraio. Usando i dati elettorali, i dati sui votanti a livello comunale ed i dati sulle condizioni metereologiche, riusciamo a stimare in maniera puntale l’effetto di un aumento della partecipazione alle urne sulla percentuale di preferenze per ogni singolo partito. Tra i nostri risultati, uno emerge con forza: al cattivo tempo è associata una minore affluenza alle urne e una scarsa partecipazione sfavorisce il Movimento 5 Stelle.

Ma allora, quanto del crollo del Movimento 5 Stelle alle Comunali è dovuto a ragioni politiche e quanto sia da associare ad altre ragioni di carattere politico? Seppur con la dovuta cautela, possiamo usare lo stesso modello avere qualche risposta. Infatti, inserendo i dati sull’affluenza alle urne delle elezioni amministrative nei comuni interessati, si riescono a stimare le preferenze che il  Movimento 5 Stelle avrebbe ottenuto alle politiche se l’affluenza fosse stata quella vista alle Comunali.  Nel grafico vediamo i casi di a Roma, Brescia, Pisa e Treviso. Il risultato è molto interessante: le stime non sono poi così lontane dai voti effettivamente ottenuti dal Movimento 5 Stelle alle Comunali.

 

Dunque, l’analisi evidenzia che una buona parte del crollo delle preferenze per i grillini è spiegato dalla scarsa partecipazione alle elezioni amministrative. Non possiamo ovviamente sapere se questa scarsa partecipazione è dovuta ad una delusione rispetto al MoVimento oppure semplicemente una minore attrattività delle elezioni amministrative rispetto alle politiche. Se la seconda però, non è affatto da escludere che il Movimento 5 Stelle non riuscirebbe, ancora una volta, ad intercettare le preferenze degli elettori disaffezionati ed indecisi in occasione di  elezioni politiche.

di Alessandro Sforza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astensionismo? La sagra dei pessimisti

next
Articolo Successivo

Movimento 5 Stelle, tornate sul pianeta Terra

next