Marco Travaglio commenta la telefonata tra Loris D’Ambrosio, consulente giuridico del Presidente Napolitano, e Mancino su Piero Grasso. E nota un tono smaccatamente ricattatorio di Nicola Mancino. Il giornalista osserva che c’è stata una dilagante omertà mantenuta dagli uomini di Stato, mentre a parlare sono stati solo i pentiti di mafia e Massimo Ciancimino. E osserva come il Quirinale abbia spinto affinchè la linea di Caltanissetta, ovvero quella di non coinvolgere i politici, venisse adottata anche nel processo sulla Trattativa Stato – mafia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, le ultime parole di Agnese Borsellino

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Vespa: “Lo Stato non tratta”

next