Il format di Michele Santoro pubblica le immagini del carcere di Parma dove il boss è rinchiuso in regime di 41bis. Il video solleva molti interrogativi sui misteri che avvolgono la sua detenzione, tant’è che la Procura di Palermo ha aperto un’indagine a riguardo. E’ la prima volta, dal giorno della sua cattura nel 2006, che si vede il boss. “Pigghiasti lignate?”, chiede il figlio minore di Provenzano a colloquio col padre. “Lignate, sì. Dietro i reni…”, risponde Zu Binnu. Bernardo Provenzano ha davvero tentato il suicidio nel maggio 2012? Davvero, come riferiscono più fonti, il boss sarebbe stato prossimo a un’eventuale collaborazione? E, infine, qual è la dinamica delle numerose cadute registrate in cella nel corso dell’ultimo anno, in particolare l’ultima che l’ha ridotto in coma?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antimafia, tre mesi in Parlamento, ma niente Commissione

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, Cancellieri: “Non sono la priorità”. Nitto Palma: “Vedremo c’è tempo”

next