Un muratore di 36 anni, Giuseppe Messina, si è ucciso ieri pomeriggio nella sua abitazione a San Pietro Clarenza, nel Catanese. Da otto mesi senza lavoro, Messina lascia la moglie e due figli di 15 e 5 mesi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Il corpo è stato portato all’obitorio dell’ospedale Garibaldi di Catania per l’autopsia. La notizia è pubblicata dal quotidiano La Sicilia che ricostruisce, con le testimonianze di familiari, “la depressione che se l’è portato via”.

“Non l’abbiamo mai abbandonato – spiega il suocero al quotidiano – non c’era motivo di arrivare a questo gesto irreparabile. Per noi era come un figlio, un ragazzo per bene, senza grilli per la testa. Purtroppo, da un pò di tempo a questa parte, si sentiva abbandonato dai suoi ex datori di lavoro e a causa della mancanza di un’occupazione, non si dava pace. Si sentiva inutile non potendo provvedere al sostentamento proprio e della moglie e dei suoi bambini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, Dalla Chiesa denuncia: “Troppo pochi controlli per impedire inflitrazioni”

next
Articolo Successivo

Bergoglio contro le ‘chiacchiere’ vaticane. “Disinformazione, diffamazione, calunnia”

next