“La Valle di Susa non ha problemi a definire, quello che è successo l’altra notte in Clarea un atto di resistenza”. Così i NoTav riuniti ieri sera a Bussoleno hanno commentato l’attacco al cantiere dell’alta velocità. Per questo fine settimana il movimento sta organizzando tre giorni di mobilitazioni attorno alle reti del cantiere, anche se da quanto annunciato dal Ministro Alfano verrà estesa la zona rossa. “L’area di scavo è solo un ventesimo di quella che è stata dichiarata area di interesse strategico”, dice Alberto Perino, leader storico del movimento, “ma queste cose la magistratura non le vede”. La polemica è diretta alla procura di Torino che ieri ha ipotizzato il tentato omicidio per il lancio di molotov da parte di un gruppo di incappucciati all’interno del cantiere  Immagini da www.notav.info 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Costa Concordia, Schettino non chiederà il rito abbreviato. “Sono rimasto solo”

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Basta con feticismo del denaro, corruzione e evasione”

next