Wislawa SzymborskaCome si fa, per noi amanti della poesia, a entrare in libreria, vedere un banco con gli Adelphi in sconto del 25 per cento, spulciare fra i titoli e trovare un libretto di Wislawa Szymborska che non conoscevamo (eppure è uscito nel 2012) e a non comprarlo? Non ho resistito e me ne sono tornata a casa furtiva e frettolosa (non era prevista la sosta in libreria), con Basta così nella borsa e qualche euro in meno nel portafoglio.

Si tratta di tredici poesie inedite scritte dalla Szymborska tra ottobre 2010 e il novembre 2011. Lei sarebbe morta tre mesi dopo, a febbraio del 2012.

Quindici mesi ormai che sono orfana dei suoi versi e Wislawa se ne ritorna qui improvvisamente, inattesa, con quel suo fare sornione e geniale, dando scacco alla morte. Tipico da lei. Nel libro sono riprodotti anche gli autografi, osservo con attenzione la sua scrittura illeggibile, piccola e incredibilmente dritta per una donna di 88 anni e mi prende una specie di commozione.

La sua apparizione vicino a me mi ricorda un po’ il bel libro di Andrea Bajani che sto leggendo dedicato a Tabucchi e alla loro amicizia. Aspetto di finirlo e scriverò anche di questo.

Una poesia di Basta così l’ho stampata e me la sono attaccata di fronte alla scrivania, evidenziando la parola “dubbio”.

Si intitola:

C’è chi

C’è chi meglio degli altri realizza la sua vita.
E’ tutto in ordine dentro e attorno a lui.
Per ogni cosa ha metodi e risposte.

E’ lesto a indovinare il chi il come il dove
e a quale scopo.

Appone il timbro a verità assolute,
getta i fatti superflui nel tritadocumenti,
e le persone ignote
dentro appositi schedari.

Pensa quel tanto che serve,
non un attimo in più,
perché dietro quell’attimo sta in agguato il dubbio.

E quando è licenziato dalla vita,
lascia la postazione
dalla porta prescritta.

A volte un po’ lo invidio
-per fortuna mi passa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rogo di Berlino, ottant’anni dopo ricordiamo gli autori dei libri #maipiulibrialrogo

next
Articolo Successivo

“La piramide del caffè”, una recensione

next