Cronisti affermati nei loro paesi d’origine, cercano quotidianamente di raccontare l’Italia ai propri concittadini. Si tratta di Alina Harja, volto della tv rumena, Jean Claude Mbede, conduttore del tg alla Crtv camerunense e Hu Lanbo, direttrice del mensile Cina in Italia, riuniti allo stesso tavolo in occasione del festival del giornalismo di Perugia per raccontare i loro progetti editoriali, rivolti all’integrazione e alla conoscenza del proprio popolo. “Anche noi abbiamo avuto un Grillo rumeno – spiega Alina – ma non è andato oltre l’11%”. Sono tanti gli elementi di difficoltà che questi giornalisti incontrano nello spiegare la realtà italiana: “Spesso ai nostri lettori risulta incomprensibile”, oltre agli ostacoli burocratici e finanziari per tenere aperte le testate bilingue che hanno realizzato  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blob, Napolitano e i lacchè

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “O la piazza o il re”: ospite in studio Roberto Saviano

next