Flashback: Italia del 23 febbraio 2013: Napolitano presidente della Repubblica, Monti presidente del Consiglio. Elezioni di Camera e Senato (24-25 febbraio). Elezioni del presidente della Republica (18-20 aprile). Flashforward: Italia del 23 maggio 2013: Napolitano presidente della Repubblica, Amato presidente del Consiglio, Monti ministro dell’Economia. A quanto pare nulla può scuotere dalle loro poltrone, salvo marginali aggiustamenti, i commissari delegati dall’Unione europea a gestire il condominio Italia.

Certo non è sufficiente a cambiare le cose un’elezione popolare in cui il rappresentante di Bruxelles qui da noi, Mario Monti, ha ottenuto meno del 10% dei consensi in uno scrutinio che era un referendum sui suoi 14 mesi di governo. Poiché “soltanto” il 90% degli italiani hanno votato contro l’austerità a senso unico applicata con ferocia sociale pari solo alla loro incompetenza tecnica dai ministri di SuperMario, la soluzione trovata dagli zombie del Pd, fermamente determinati a raccogliere lo 0% alle prossime elezioni, è rifare un governo tecnico. E poiché la legittimazione da parte dei cittadini di una soluzione di questo tipo è, a dir poco, dubbia, si affidano a Napolitano perché la crei dall’alto del suo Guinness dei primati: unico presidente rieletto nella storia della Repubblica.

Ma se i costosi rituali delle elezioni danno questi risultati, perché non abolirli e passare direttamente al sorteggio? Il nuovo governo (dove i cosiddetti “saggi diventeranno ministri) potrebbe essere selezionato tra chi 1) E’ stato ministro, o commissario europeo, dopo il 1992 e, 2) Ha compiuto almeno i 70 anni o si chiama Massimo D’Alema, che oggi compiva 64 anni. Viene escluso Oetzi, la mummia ritrovata sulle Alpi nel 1991, perché non è sicura la sua cittadinanza italiana.

Il sorteggio fra la cinquantina di persone che entrerebbero nella rosa potrebbe essere affidato a Lottomatica, mentre le opinioni dei cittadini verrebbero consultate attraverso appositi sondaggi, affidati a Renato Mannheimer, il sondaggista di fiducia del Corriere ora indagato per un giro di fatture false di svariati milioni di euro. Se proprio l’Unione europea insistesse perché i cittadini fossero chiamati alle urne, si potrebbe ricorrere a un esperto in materia: Vladimir Putin, grande amico dell’azionista di maggioranza del rinato governo tecnico, Silvio Berlusconi (sì, quello che il 24-25 febbraio aveva perso quasi la metà dei suoi voti rispetto al 2008).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, il partito inesistente quando si tratta di governare

next
Articolo Successivo

Presidente della Repubblica: con Napolitano la partitocrazia si chiude nel bunker

next