La produzione industriale diminuisce più delle stime degli economisti a febbraio, l’Italia potrebbe rimanere inchiodata per il settimo trimestre a quella che è già la recessione più lunga degli ultimi venti anni. La produzione industriale della zona euro invece aumenta oltre le aspettative, segnalando che l’economia delle 17 nazioni inizia ad emergere dalla recessione. L’Italia ha intenzione di rispondere con la restituzione di 40 miliardi di euro di pagamenti arretrati alle aziende private.

Francesco Saraceno – Ricercatore di Ofce, centro di ricerca in economia di SciencesPo da Parigi: “L’Italia ha un deficit di crescita e di produttività di lungo periodo che va ben oltre l’euro e che l’euro ha esposto in tutta la sua gravità, non vorrei uscire dall’euro per tornare alle svalutazioni periodiche che non risolvono i problemi di base, ci dobbiamo chiedere perché non c’è nessun Steve Jobs in Italia”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo governo: il Belgio non è un buon esempio

next
Articolo Successivo

Banca(rotta) e depositanti: chi salvare?

next