Il procuratore aggiunto di Bergamo Massimo Meroni ha chiesto il rinvio a giudizio di Umberto Bossi ipotizzando i reati di offesa all’onore e al prestigio del presidente della Repubblica e vilipendio alle istituzioni per le frasi rivolte a Giorgio Napolitano e al presidente del Consiglio Mario Monti il 29 dicembre del 2011, durante la ‘Berghem Frecc’, la festa della Lega Nord ad Albino.

“Monti lo sa che molti allevatori si sono impiccati? Questi coglionazzi del governo lo sanno?”, aveva detto Bossi dal palco. E poi: “Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica”, esibendo il gesto delle corna. “Napolitano, Napolitano, nomen omen, non sapevo fosse un terun’’. Parole poi finite nell’esposto di alcuni cittadini in procura a Bergamo.

Nell’udienza di oggi a Bergamo, assente Bossi, si sono scontrate le tesi di pm e difesa. Il legale del presidente leghista, Luigi Pisoni, ha sostenuto che quelle frasi furono pronunciate nell’esercizio della funzione di parlamentare e che quindi deve essere la Camera a confermare o smentire questa tesi. Il pm ha invece sostenuto che il giudice, in questo caso, può decidere in autonomia. Il gup al termine dell’udienza si è riservato di decidere. La seduta è stata aggiornata al 23 maggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Omicidio Garofalo, il pentito: “Le spaccavamo le ossa mentre bruciava”

prev
Articolo Successivo

Abu Omar, Consulta sì a conflitto: “Segreto di Stato spetta a premier”

next