Il vicedirettore del Fatto Quotidiano commenta l’ultima settimana appena trascorsa. “Ratzinger si è dimesso e ha indetto un nuovo Conclave” – esordisce – “Napolitano è rimasto al suo posto e ha nominato dieci saggi. Un ufficio di complicazione di affari semplici”. E sottolinea come il Presidente della Repubblica abbia addirittura creato due commissioni. “Gli unici che hanno applaudito estasiati questa mirabile ideona” – prosegue Marco Travaglio – “sono i costituzionalisti che ormai hanno preso il posto dei corazzieri e parlano il sanscrito. Siamo precipitati nella Prima Repubblica, anche nel linguaggio Anzi nell’Ancien Régime”. E sottolinea: “Qui però la restaurazione è arrivata e la rivoluzione non è mai arrivata”. Il giornalista ricapitola gli ultimi eventi e fornisce un ritratto meticoloso dei saggi nominati da Napolitano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Freccero: “Il M5S ha voluto la bicicletta e adesso…”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, il saggio Violante

next