“Ho capito molto presto che, per quanto io potessi essere vivace, interessante ed emozionante con la macchina da presa, questo sarebbe stato nulla, in definitiva, a paragone di quanto accade sui volti degli attori. Essi sono l’incarnazione di un film”.

Così Olivier Assayas nel 2000, in occasione di una lezione di cinema tenuta alla Cineteca di Bologna. Molti film dopo, il regista francese torna in Cineteca, occasione preziosa per ascoltare genesi e segreti del suo ultimo film, Qualcosa nell’aria, premiato alla Mostra del Cinema di Venezia per la miglior sceneggiatura, e ripercorrere attraverso sette titoli quella che è ormai una lunga carriera cinematografica, lanciata – parliamo dei lungometraggi – nel 1986 da Désordre – Disordine.

Olivier Assayas incontrerà il pubblico del Cinema Lumière della Cineteca di Bologna (Piazzetta Pasolini, 2/b) domani, venerdì 5 aprile, al termine della proiezione (in versione originale) delle ore 21.45 di Qualcosa nell’aria.

Da sabato 6 aprile la retrospettiva Disordine e utopia. Il cinema di Olivier Assayas si trasferisce nella Sala Cervi della Cineteca (via Riva di Reno, 72): alle ore 17 è in programma la maratona di Carlos (cinque ore e mezza per raccontare le sanguinarie vicende dello sciacallo Ilich Ramírez Sánchez, protagonista dello stragismo degli anni Settanta e Ottanta).

Domenica 7 aprile, alle ore 21.15, vedremo L’Heure d’été; lunedì 8 aprile, alle ore 21.15, L’Eau froide; martedì 9 aprile, sempre alle ore 21.15, l’esordio al lungometraggio Désordre – Disordine; mercoledì 10 aprile, alle ore 21.15, Irma Vep; chiude la rassegna giovedì 11 aprile, sempre alle ore 21.15, Clean.

La retrospettiva Disordine e utopia. Il cinema di Olivier Assayas (promossa da Fondazione Cineteca di Bologna, Fronte del Pubblico, Associazione Circuito Cinema di Modena, Solares Fondazione delle Arti, in collaborazione con FICE Emilia-Romagna e Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani gruppo Emilia-Romagna/Marche) porterà Olivier Assayas anche alla Sala Truffaut di Modena (giovedì 4 aprile alle ore 21) e al Cinema Edison di Parma (venerdì 5 aprile, alle ore 18). Qui l’appuntamento, a ingresso gratuito, avrà seguito nei giorni successivi con L’eau froide e Irma Vep, in programma l’11 e il 18 aprile (ingresso 5 €, info 0521 964803, www.solaresdellearti.it).

La presenza di Olivier Assayas lancia un lungo mese di aprile che vedrà il cinema francese protagonista alla Cineteca di Bologna, che ospiterà dal 21 al 27 aprile il festival Rendez-vous promosso dall’Ambasciata di Francia in Italia e Institut français, intrecciato negli stessi giorni alle retrospettive dedicate a Léos Carax e a Raymond Depardon (che sarà al Cinema Lumière domenica 21 aprile).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giuseppe Tornatore, l’omaggio del Porretta Cinema al cineasta siciliano

prev
Articolo Successivo

Future Film Festival all’insegna dei mostri. Attesa per il remake de La Casa (foto)

next