Contrariamente a quanto aveva affermato il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, nel corso della puntata di Ballarò del 5 marzo, in materia di digitalizzazione di documenti e atti amministrativi, il Comune da lui governato non sembrerebbe ancora essere così all’avanguardia. “L’idea della rivoluzione digitale di cui parla Beppe Grillo io non me la faccio raccontare da lui – aveva detto Renzi, nel corso dell’intervista rilasciata a Giovanni FlorisIo ho fatto l’accesso agli open-data, cioè, tutti gli atti della pubblica amministrazione sono online. Io non mi faccio raccontare da lui che è un innovatore”. Insomma di lezioni sulla trasparenza della Pubblica amministrazione, aveva fatto capire il rottamatore, non ne ha di bisogno. Ancor di più se arrivano da Grillo.

Le verifiche fatte dall’associazione ‘Firenze-Cittadini per vivere la città’ dimostrano però una realtà totalmente diversa rispetto a quella raccontata da Renzi. Perché è vero, quello dell’open-data è un approccio del tutto innovativo, e democratico, alle informazioni e ai dati delle istituzioni pubbliche che, attraverso le tecnologie telematiche, vengono resi accessibili a tutti. Un nuovo sistema al quale pian piano le amministrazioni locali del nostro Paese – che nel 2006 ha recepito la direttiva comunitaria 98/2003 – si stanno convertendo. Ma al contrario di quanto aveva dichiarato Renzi, sul portale open-data inaugurato dal Comune gigliato nell’ottobre del 2011, degli atti che dimostrano e motivano le decisioni degli amministratori – e che documentano dunque la loro attività – non vi è alcuna traccia. Vano, ad esempio, il tentativo di accedere agli atti dell’impianto semaforico a controllo locale di Firenze.

“Documenti importanti per comprendere i motivi tecnici di una scelta che – sottolinea l’associazione ‘Firenze-Cittadini per vivere la città’ – ha comportato un onere di 420mila euro per le casse comunali”. Aprire i file presenti, e conoscerne il contenuto, è praticamente impossibile. L’unica opzione consentita è quella di “navigare nel dato dal geoportale”. Ma a parte qualche informazioni ed una mappa che illustra la collocazione dei vari semafori, non si trova nient’altro. Stesso risultato se si prova a ricercare le ordinanze, le delibere e le determine del Comune: qui i file si aprono, ma contengono solo ed esclusivamente il numero complessivo degli atti emanati ogni anno (es. 604 delibere di giunta nel 2011, 41 ordinanze nel 2012 ecc…). Cosa, e perché, hanno approvato gli amministratori del Comune non è invece riportato.

In sostanza il Comune di Firenze, come ormai un po’ tutte le amministrazioni locali, il suo portale open data ce l’ha. E fin qui Renzi non aveva detto nulla di inesatto. “Se dunque si fosse limitato soltanto a questo – precisa Pier Luigi Ciolli, presidente dell’associazione – nessuno lo avrebbe potuto contestare”. Il primo cittadino fiorentino, invece, nel tentativo di spiegare cosa fosse e come funzionasse l’open data del suo Comune – ma evidentemente senza mai averlo visitato approfonditamente –, aveva finito per dare un’informazione non vera: “Tutti gli atti della pubblica amministrazione sono online”. “Magari fosse davvero così – afferma Ciolli – Renzi è stato mal informato. Se lo avesse testato direttamente, si sarebbe accorto che degli atti di cui parla non ce ne sta nemmeno uno. Ci sono solo dati”.

Non è finita perché le difficoltà si trovano anche sul sito del Comune: “Non tutti gli atti sono accessibili”, fa notare ancora l’associazione ‘Firenze-Cittadini per vivere la città’. Ed inoltre la ricerca non è per nulla agevole, visto che gli atti sono divisi in sei tipologie (deliberazioni, ordinanze, decreti del sindaco, atti di indirizzo del consiglio, provvedimenti dirigenziali e di mobilità). Dunque “non potendo sapere quale sia la specifica tipologia di atto (a cui è interessato ad accedere) il cittadino deve effettuare la ricerca per ciascuna tipologia”. Dulcis in fundo, anche per ottenere un documento cartaceo spesso la trafila è più lunga e complessa di quanto si possa immaginare.

Riceviamo e pubblichiamo la precisazione del Comune di Firenze 

Partiamo dal titolo.
Renzi: ‘Firenze, online gli atti comunali’. L’associazione: ‘Nessuna traccia’.
Il sito del Comune di Firenze contiene tutti gli atti dal 1997 ad oggi, quotidianamente consultati da migliaia di utenti; evidentemente l’associazione ha sbagliato a cercarli.
La sezione Open Data, come dice la parola stessa, presenta i dati in formato aperto; la trasparenza è comunque assicurata in varie sezioni tematiche del sito web.
 
Nel dettaglio:
1) Nel sommario dell’articolo si legge: “Per il sindaco del Pd ordinanze, delibere e determine della p.a. del capoluogo toscano sono in rete, grazie al progetto open-data, costato 420mila euro. Ma le verifiche di “Firenze-Cittadini per vivere la città” dimostrano il contrario: “Ci sono solo dati, non quello di cui parla lui”.
Il progetto open-data è stato portato avanti prevalentemente con risorse interne al Comune di Firenze e completato con un investimento inferiore a 30.000 euro iva compresa. I 420mila euro “sparati” nell’articolo senza alcuna verifica, si riferiscono non agli open-data bensì al sistema semaforico.
2) OPEN DATA e ATTI TRASPARENTI
Anche se entrambi i termini ricadono sotto il tema della Trasparenza e  dell’Open Government, essi racchiudono da un lato i dati che costituiscono patrimonio informativo del Comune, esposti appunto come  formati aperti (Open Data) – tra cui Open Bilancio – e dall’altro gli atti della macchina amministrativa, presenti da sempre in un’apposita sezione della Rete Civica dedicata appunto a “Atti e Deliberazioni”. Altri contenuti sono nella sezione “Trasparenza e merito”. L’affermazione “tutti gli atti dell’amministrazione sono online” fatta dal Sindaco è vera: basta navigare il sito www.comune.fi.it
Gli atti online si trovano a partire dall’anno 1997 per le determinazioni, dal 1995 per le Delibere, dal 2004 per gli atti del Consiglio.
In tutti questi anni si sono ovviamente succeduti diversi sistemi e formati, anche per ottemperare alle continue evoluzioni della normativa; di certo si può rendere più omogenea ed efficace la ricerca dei contenuti. Il fatto che gli atti siano divisi in sei tipologie (ordinanze, delibere, determinazioni ecc) è semplicemente perché gli atti dell’Amministrazione si esplicano tramite queste forme, ciascuna per la propria funzione.
Un’ultima considerazione: nell’articolo si legge “In sostanza il Comune di Firenze, come ormai un po’ tutte le amministrazioni locali, il suo portale open data ce l’ha”; resta il fatto che il Comune di Firenze è il terzo produttore in Italia di dati aperti dopo Istat e Regione Lombardia e ha ottenuto il massimo punteggio in quanto a riusabilità dei dati (fa fede il sito del Governo: http://www.dati.gov.it/content/infografica#Chi%20rilascia%20pi%C3%B9%20dataset%3Cstrong%3E?).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Codemotion 2013: Roma è la nuova Silicon Valley italiana

next
Articolo Successivo

Ruzzle-mania e i furbetti che barano

next