La mannaia di Rosario Crocetta si abbatte sugli enti di formazione. Il presidente della Regione Siciliana lo annuncia in conferenza stampa a Palermo: “Ben 235 gli enti cancellati. Per altri 43, con forti irregolarità, soprattutto nei confronti dei dipendenti, è previsto molto presto il ritiro dell’accreditamento”. La formazione professionale in Sicilia divora circa 800 milioni di euro. Ieri poi la scoperta del buco di 400 milioni. “Abbiamo visto che ci sono numerosi enti con corsi fantasma“. “Abbiamo avviato ispezioni e procedimenti nei confronti di enti anche molto grossi. Chiunque – prosegue – poteva fare un ente grazie alle amicizie giuste, e deputati vecchi e nuovi ci infilavano anche i propri autisti. Chiudiamo questo pozzo di san Patrizio” (video tratto da Live Sicilia yt)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Chi non salta Pisapia è”. I lavoratori di Linate e Malpensa verso lo sciopero

prev
Articolo Successivo

Milano, la rabbia dei lavoratori Trenord: “Referendum sul contratto”

next