E’ morto nel silenzio, sabato scorso, Jason Molina. Dopo Sparklehorse e Vic Chesnutt, lui, altra figura storica del universo musicale indipendente americano. E se ne va nell’ombra, a 39 anni. Si diceva avesse smesso di bere. E invece proprio a causa di una intossicazione alcolica pare sia morto. Sulle sue spalle l’emblema dell’America profonda, di quel alt-country, di quel rock scarnificato che riusciva a incantare. Sia quando si chiamava Songs: Ohia che Magnolia Electric & Co. ha segnato una pagina indelebile. Aveva tentato di disintossicarsi in una comunità nel West Virginia, aveva chiesto aiuto ai fan affinché lo aiutassero per pagarsi l’assicurazione sanitaria. Nulla da fare.

Gli esordi nella seconda metà degli anni novanta, molti buchi nell’acqua soprattutto nel nuovo millennio. Però, anche nei peggiori album, la capacità di cacciar fuori canzoni di bellezza cristallina. E al di là di queste quattro parole in croce, è davvero così che preferirei fosse ricordato. Con una canzone. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Città della Scienza, 5 milioni dal Cipe per la ricostruzione

prev
Articolo Successivo

Marò, Mancini bloccato in India. Il governo italiano: “Violata convenzione di Vienna”

next