“Non intendiamo fare inciuci la linea è chiara, precisa e ci attendiamo che il parlamento risponda con un sì o con un no”. Alessandra Moretti (neodeputata Pd) è tra le poche, al termine della direzione nazionale del Pd durata oltre otto ore a non evitare i cronisti fuori la sede nazionale a Roma di largo del Nazareno. Una direzione contraddistinta dalla “fuga” a metà mattinata di Matteo Renzi (sindaco Pd di Firenze), senza peraltro effettuare il suo intervento. Secondo Matteo Orfini: “E’ un peccato, credo che Renzi dovrebbe avere più passione per queste nostre discussioni, perché magari ci si capisce meglio se ci si parla non sui giornali o in televisione, o almeno non solo lì”. “Renzi avrebbe fatto meglio a dare il suo contributo oltre che nei vari talk show anche nella sede dove Bersani ha parlato, mi dispiace perché è una posizione che indebolisce il Pd” afferma Stefano Fassina che poi attacca il Movimento 5 Stelle: “Non importa come vogliono chiamarsi, si chiamano Onorevoli e Senatori, in Aula li chiameranno così, anche se fanno finta di essere un movimento sono un partito: si chiama partito cinque stelle e ha un monarca come leader che si chiama Beppe Grillo, ma è un partito nonostante che loro fanno finta che non lo siano, ma sono un partito”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lasciato lo smacchiatore, Bersani fa il politico

prev
Articolo Successivo

Pd: province demonizzate. Capro espiatorio?

next