Martedì 5 marzo a Sala Bio sarà proiettato We Are Legion di Brian Knappenberger, Il film-documentario dedicato all’oramai storico collettivo Anonymous la legione di hacker (e non solo) che ha reinterpretato la disobbedienza civile e l’attivismo politico nell’era digitale.

In linea con lo spirito del festival di giugno, Biografilm continua a proporre documentari in grado di analizzare la realtà odierna e rivelare le complesse dinamiche del mondo contemporaneo anche nel suo appuntamento settimanale al cinema Odeon. Il film sarà presentato dal giornalista Davide Turrini del Fatto Quotidiano – Emilia Romagna.

I fan di Biografilm possono accedere alla proiezione a prezzo scontato seguendo questo linkhttp://www.fanaticaboutfilms.it/anteprime/wearelegion.php e inserendo codice WL53FB (a 4 euro invece che 6 euro).

Il film ripercorre la nascita e l’evoluzione del fenomeno Anonymous, il collettivo di “hacktivist” che negli ultimi anni ha firmato alcuni dei più arditi e spettacolari sabotaggi informatici in rete. Anonymous è senz’altro la sigla più celebre di quel magmatico, mutevole e arrabbiatissimo universo di movimenti di protesta che stanno operando in questi ultimi anni attraverso il web e le reti sociali.

We are Legion fornisce una lettura di alcuni eventi chiave della nostra storia recente che nessun organo d’informazione ufficiale approverebbe. E’ un inno alla disobbedienza civile raccontato attraverso le azioni più famose del collettivo di questi “rivoluzionari informatici”: dalle grandi lotte contro Scientology alle campagne in favore di Julian Assange e WikiLeaks, dalla guerra aperta alle multinazionali al supporto agli insorti della primavera araba.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Shoah, la Cotignola dei ‘Giusti’: in un documentario il paese che salvò gli ebrei

next
Articolo Successivo

Sting in concerto a Cattolica il 29 luglio per il tour Back to bass

next