I patti si mantengono. Le cambiali vanno onorate. Specialmente se si tratta di promesse elettorali. Ne sa qualcosa il Popolo della Libertà che in Campania per incassare consensi e vincere le elezioni ha dovuto promettere, promettere, promettere.

Il “lavoro” che ha dovuto fare il senatore e coordinatore regionale Francesco Nitto Palma è stato enorme. Affrontava una campagna elettorale senza il supporto del deputato uscente Nicola Cosentino, l’impresentabile, che ora rischia seriamente la galera. I pm partenopei hanno dato parere negativo alla richiesta di revoca della misura cautelare avanzata dalla difesa dell’ex sottosegretario all’economia. Sarà il giudice a decidere, a lui spetta l’ultima parola prima del 15 marzo data entro la quale decadrà l’immunità e l’impunità di molti. Per ora il pm nella stesura del suo parere è stato chiaro: “Non può essere la mancata ricandidatura a far ritenere annullato il potere di influenza politica di un uomo che così potente è stato per circa venti anni, soprattutto se quella candidatura è stata una decisione assunta all’ultimo secondo utile dal partito per ragioni di mera opportunità e convenienza, e non per una reale rottura o per ripudio della personalità del Cosentino”. Amen.

Il partito di Silvio Berlusconi ha vinto in Campania anche se però ha perso molti punti percentuali ben 19 rispetto a 5 anni fa. Restano le cambiali – dicevamo – cambiali onerose. E’ stato proprio il coordinatore Palma a promettere mari e monti per accalappiare i voti. A cominciare dalla “Grande Promessa” anti-ruspe, contrattata con il popolo delle 60mila demolizioni già disposte da sentenze passate in giudicato, e con quello degli abusivi. L’ex Guardasigilli rassicura e rilancia con poca convinzione: “Presenteremo subito un’iniziativa di legge per tutelare gli interessi dei cittadini campani che non possono vedere andare giù la loro prima casa”. E sibillino si rivolge al presidente della Regione: “Anche il governatore Stefano Caldoro dovrà fare la sua parte”. Scherziamo? Il territorio campano è stato devastato dal cemento abusivo. In barba a tutti i divieti sono stati edificate ville, palazzi, appartamenti, ristoranti fregandosene delle regole minime. In alcuni casi – vedi i comuni di Giugliano, Villaricca, Casoria, Melito, Sant’Antimo – è stata la camorra in combutta con politici e funzionari pubblici a costruire. Vicenda che ho già illustrato in un mio precedente post regolarmente impallinato dal vasto popolo degli abusivi. Nella maggior parte dei casi era e sono le stesse ditte orbitanti nella galassia delle cosche a edificare. Una catena di Sant’Antonio, una partita di giro che ha riempito e finanziato di milioni di euro le stesse casse dei clan.

Allora mi chiedo di cosa parliamo? Ci sono le sentenze, occorre trovare i soldi e buttare giù il cemento illegale. Le ruspe dovranno cancellare le brutture che per anni e anni sono stato realizzate e tollerate in un clima collusivo nei nostri territori. Siamo davvero alle comiche finali. Al rigurgito di fine impero. Alla disperazione totale e finale. Una forza politica che fino all’altro giorno è stata al governo del Paese diventa paladina degli abusivi e tenta il solito colpo di mano per rendere legale ciò che non è legale. Guardare per credere.

Fate un giro nei comuni alle pendici del Vesuvio o in Costiera Sorrentina e Amalfitana oppure nella zona Flegrea e ancora nelle isole del Golfo c’è da restare senza fiato. Addirittura c’è qualcuno che ha corrotto con le giuste entrature di avvocati, cancellieri, ispettori di polizia e impiegati gli uffici giudiziari della Corte d’Appello di Napoli per mettere le carte a posto. Uno scandalo nazionale che in moti fischiettando fanno finta che non esista, che non è mai accaduto. Gli abusivi devono capire che ora anche in Italia le regole e le sentenze si rispettano. Nessun colpo di spugna. Le case abusive vanno abbattute per liberare le città, i territori, la vita delle donne e degli uomini dall’essere ostaggio dei soliti noti.    
 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Napolitano ai partiti: “Misura, realismo e senso di responsabilità”

next
Articolo Successivo

Non abbiamo fermato il declino

next