Siamo tutti così presi dalle vicende elettorali, e dai fuochi e dai fumi di Grillo e di Bersani, che abbiamo perso di vista la centralità di uno scandalo politico straordinario: l’acquisto, tramite comode tranche, del governo della Repubblica. L’acquirente, secondo l’accusa della procura di Napoli, è Silvio Berlusconi. Il percettore si chiama Sergio De Gregorio. Quest’ultimo ha confessato, e due giorni fa riconfermato, di aver ottenuto tre milioni di euro allo scopo. L’ha fatto per smentire l’affermazione di Berlusconi di essere stato indotto a millantare la corruzione pur di schivare il carcere. Lo stesso De Gregorio anticipò al Fatto Quotidiano il 16 dicembre scorso la sua intenzione di vuotare il sacco e avvertì, in quella intervista, anche Berlusconi: meglio che non ti candidi.

Chi ha assistito alla caduta del governo Prodi non cova dubbio alcuno: l’odore delle mazzette era nitido. Non c’erano le prove, ma certo i comportamenti di una pattuglia di parlamentari, quelle improvvise giravolte, documentavano la qualità del loro agire politico. L’ha confermato lo stesso Berlusconi ammettendo di aver versato a De Gregorio almeno un milione di euro. Soldi, così li ha giustificati, che dovevano essere utilizzati per irrobustire la rete internazionale di Forza Italia. Bugia così spettacolare da essere indigeribile: perché mai un partito di governo, forte e ramificato, deve pagare un parlamentare eletto con la parte avversa e delegargli il compito di intrattenere neanche per suo conto i rapporti con fantomatici interlocutori stranieri? Infatti De Gregorio non risulta mai essere stato un iscritto di Forza Italia, e quei soldi gli vennero elargiti non a nome di Forza Italia. Egli ne poteva disporre per irrobustire la sua personale rete del suo personale partito: Italiani nel mondo. Mercimonio completo e pubblico. Corruzione evidente e conclamata.

Non ho alcuna fiducia negli italiani e non penso che questo fatto, se fosse stato conosciuto prima delle elezioni, avrebbe mutato di una virgola il risultato elettorale. Il Cavaliere avrebbe urlato alla persecuzione e tutto sarebbe finito nel falò dei commenti e dei distinguo. Questa volta la giustizia ha atteso che le urne fossero chiuse per rendere pubblica una confessione così straordinaria e grave. Con le parole possiamo giocarci, con le parole possiamo anche azzuffarci. Restano i fatti. E i fatti dicono, per la confessione dei rei che la caduta del governo Prodi fu acquistata con una valigiata di euro. Fu un golpe, anche se appare, in quest’Italia perduta e sconfitta, una marachella. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Magistratura, Canepa segretario di Md: toga anti mafia e pm G8

next
Articolo Successivo

Berlusconi contro i pm: 100 piazze per la Costituzione

next