Con un articolo intitolato “Ultima chance per l’Italia“, il Wall Street Journal torna a commentare duramente la situazione in cui si trova l’Italia, facendo un’analisi sulla situazione del Paese dopo le elezioni politiche. “L’affermazione di Grillo dà alle principali forze politiche italiane un’opportunità”, avverte il quotidiano finanziario, “quella di svegliarsi e di cambiare finalmente la strategia per affrontare i problemi”.

Se i principali partiti non fanno le riforme ora, secondo il Wall Street Journal, “dopo sarà molto peggio”. “Non c’è molto tempo perché l’economia va sempre peggio”, aggiunge, “e in questo limbo politico l’incertezza sulla futura direzione che verrà presa sul fronte fiscale e delle riforme congelerà tutte le decisioni di investimento delle imprese e rinvierà molte nuove assunzioni”.

La situazione in cui si trova il Paese, secondo il quotidiano, rappresenta anche un’opportunità. Sia il Pd che il Pdl dovrebbero infatti “usare il lasso di tempo prima del prossimo voto per scuotere radicalmente il loro approccio alla politica e tornare di fronte all’elettorato con proposte più attraenti”. Il Pd, in particolare, “deve chiedersi se Bersani è capace di essere un leader decisivo o se dovrebbe lasciare spazio a un leader più giovane e dinamico”. Il Pdl, invece, “deve valutare se Berlusconi è ancora una risorsa elettorale o un peso”.

Il quotidiano americano ricorda infine che i soldi degli investitori stranieri sono ritornati lo scorso autunno in Italia grazie all’azione della Bce che ha acquistato titoli di Stato dai Paesi europei più in difficoltà. “Ma questa rinnovata fiducia è appesa a un filo”, conclude, “visto che l’inconcludente voto solleva dubbi sulla possibilità di un governo credibile che possa rispettare i termini necessari per godere proprio del sostegno della Bce”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013. Coloro che “sanno di sapere”

prev
Articolo Successivo

Governo di scopo: “deberlusconizzare l’Italia”

next