Colpo di scena al processo contro Bradley Manning, la “talpa” che ha fornito a Wikileaks centinaia di migliaia di documenti segreti del Pentagono e del dipartimento di Stato. Il caporale americano si è infatti dichiarato colpevole di dieci capi di accusa e sta ora al giudice militare deciedere se accettare la sua offerta di colpevolezza che in ogni caso lo porterebbe a scontare 20 anni di prigione.

Così facendo potrà ottenere un alleggerimento dall’accusa. Manning si è infatti dichiarato non colpevole di “avere aiutato il nemico”, il più grave dei 22 capi d’accusa sollevati contro di lui, per cui rischiava in teoria la pena di morte ma più concretamente l’ergastolo.

Manning è rinchiuso nelle carceri militari americane dal maggio del 2010, accusato di aver trasmesso a Wikileaks informazioni segrete, tra cui documenti sulle missioni militari in Iraq e Afghanistan. L’avvio del processo davanti alla Corte marziale è previsto per il prossimo 3 giugno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, attivisti: “Oltre 70 giustiziati tra cui diversi bambini e anziani”

prev
Articolo Successivo

Grillo e i nipotini di Hessel, padre degli indignati

next