Il volto è quello di Guy Fawkes, simbolo scelto dal gruppo degli hacker Anonymous che in passato hanno attaccato anche i siti del governo americano, israeliano, il Vaticano e la nostra Polizia di Stato.

Oggi a finire offline il sito del Tribunale di Milano per mano di “LndTm 2013”, che tinge col tricolore il volto di V per Vendetta e scrive sulla homepage: “Preparatevi, ha inizio l’Apocalisse! E’ la fine per un nuovo inizio. Sta arrivando come l’ira di Dio il cambiamento per i giovani del popolo italiano. La giovane Italia degli italiani che lavorano e sono stufi di essere presi per il culo, derubati, maltrattati da quei delinquenti che ci governano e da tutte le lobby che li supportano. Da adesso pagheranno per tutto quello che hanno fatto. Rivoluzione digitale”. Sotto attacco anche il sito della polizia penitenziaria, anche se in questo caso gli hacker non hanno pubblicato nessun messaggio. 

Gli attacchi sono stati fatti nella notte, attorno alle 2, e collegandosi al portale compariva al posto della home page lo stesso messaggio visibile sul sito del palazzo di giustizia milanese. Gli operatori del ced hanno provveduto a rimuoverlo, scollegando il sito. I tecnici del Dap stanno svolgendo accertamenti sull’attacco, ma il portale, che contiene più che altro notizie relative al mondo delle carceri e alle normative che incidono sul settore, non sarà ripristinato presumibilmente prima di lunedì. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

iWatch, le indiscrezioni: Apple pensa al lancio dell’iPhone da polso

prev
Articolo Successivo

PlayStation 4, la nuova console in uscita a fine anno: caratteristiche e prezzo

next