Quando assassinarono il Giudice Falcone io ero a Montecatini in “vacanza premio” dopo aver sostenuto un esame alla Facoltà di Agraria di Piacenza. Lo seppi in albergo dal portiere e devo dire che a vent’anni, allora, fu per me la più  triste notizia di Stato mai ricevuta prima di allora.

D’un tratto la mia giovinezza spensierata venne turbata dall’angoscia, dal dolore e dal senso di terrore che avevo provato anni addietro, quando giovanissimo vissi il dramma del rapimento dell’onorevole Aldo Moro, della strage della sua scorta e del finale orrendo al quale fu condannato dallo Stato.

Quando assassinarono il Giudice Borsellino stavamo organizzando la festa di compleanno della mia futura cognata e ricordo che quando lo sapemmo insieme, la reazione di entrambi fu di rigettare subito lo sconforto di appartenere ad uno Stato che era stato “avvisato” e che nulla aveva fatto per salvare la vita del suo miglior soldato Ai miei figli , che sono ancora piccoli, quando un giorno racconterò queste storie sarà come quando da bambino la nonna mi raccontava le storie dei partigiani, la stessa morte per lo stesso sogno di libertà.

Pasquale Lunati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Io siciliano che avevo 2 anni oggi gli direi: “Ci scusi”

prev
Articolo Successivo

Ci hanno insegnato che le cose devono e possono cambiare

next