La rete è incinta, lo sapevate? Da qualche anno dilaga in internet il fenomeno del mommy blogging, di cui ignoravo l’esistenza fino a quando ho deciso di aprire www.genitoriprecari.it.

Se sei donna, mamma e da grande volevi fare la scrittrice, hai le carte in regola. I punti aumentano se hai una vicenda particolare da raccontare, due o tre figli e magari te li cresci da sola perché tuo marito (debosciato) lavora troppo o lavora lontano. Si passa dal blog stile grande fratello (della serie, oggi vi racconto gli affari miei e della mia famiglia) a quelli meno autoreferenziali dove alla base c’è un progetto da mettere in rete, uno scambio di idee, un modo per inventarsi una professione conciliando lavoro e famiglia. In ogni caso il mommy blogging è un modo per condividere la propria quotidianità, fatta di sfide importanti ma anche, semplicemente, di figli con la febbre. E il dilagare del fenomeno (in tutta Italia sarebbero 3mila le mamme blogger) è segno del rimando emotivo che si instaura tra le mamme blogger e le mamme lettrici.

E le donne in rete navigano talmente a gonfie vele che la Bocconi ha deciso di realizzare una ricerca su mamme e informazione per capire come il fenomeno del mommy blogging sia cambiato negli ultimi anni e quali siano le indicazioni per il futuro.

Ma non solo il web strizza l’occhio alle mamme. C’è il festival di Sanremo che da un paio d’anni è diventato mommy friendly con la seconda edizione di Mamme a Sanremo e ci sono fiumi di edizioni di Momcamp, il barcamp dedicato a tutte le donne con figli al seguito, che si rinnova ogni anno.

Anche le radio stanno diventando mommy friendly. Un esempio su tutti è la rubrica “L’Italia è un paese per donne e per giovani?”, in onda sui 106.6 di Radio Rock, storica emittente della Capitale. Tutte le domenica, dalle 14 alle 18, la conduttrice Betta Cianchini, mamma, attrice e nota speaker romana, solleva la questione alle ospiti presenti nella sua trasmissione, “La Bettola Rock” . A rispondere,  affermate giornaliste, scrittrici, esponenti del mondo della cultura e dello spettacolo ma soprattutto donne che hanno girato e messo il naso fuori l’Italia, pronte a raccontarci cosa accade all’estero. Da casa la possibilità di intervenire, di dire la vostra, di portare una testimonianza scrivendo a radiorock@info.it  oppure bettacianchini@radiorock.it

E poi ci sono i forum. L’ultimo nato è quello lanciato da Tutto parla di voi, al quale ho partecipato per parlare di maternità e lavoro. E stasera, dalle 22, replicheremo.

Insomma, dal mommy blogging ai media mommy friendly, la mamma attira, soprattutto se desiderosa di rivalsa. Tutta questa attenzione suscita un interrogativo. A parte il web, l’Italia è mommy friendly?

La domanda che Betta Cianchini pone nella sua trasmissione radio va al cuore del problema e merita una risposta. Questo, è un paese per donne e per giovani?

No, se guardiamo agli ultimi dati ministeriali, secondo cui la media delle famiglie italiane (8 milioni di persone) guadagna meno di ventimila euro l’anno mentre l’ascensore sociale è tornato indietro di 27 anni.

No, se leggiamo l’ultimo rapporto di “Mamme nella Crisi” di Save the Children, secondo cui “in Italia quasi 2 donne su 3 sono senza lavoro se ci sono 2 figli mentre tra il 2008 e il 2009 ben 800.000 mamme hanno dichiarato di essere state licenziate o di aver subito pressioni a seguito di una gravidanza”. Rispetto 2003,  nel 2009 le interruzioni forzate dal lavoro alla nascita di un figlio sono quadruplicate diventando l’8,7% mentre l’occupazione femminile, che nel 2010 si attestava al 50,6% per le donne senza figli – ben al di sotto della media europea pari al 62,1% – scendeva al 45,5% già al primo figlio fino a toccare quota 31,3% nel caso di 3 o più figli”. Sarà forse, anche per questo, che le nascite annue tra il 2008 e il 2010 sono calate di 15.000 unità”. Ecco, l’Italia non è con tutta evidenza un paese per donne, figuriamoci per mamme. Ma neanche per uomini, lavoratori, studenti, laureati, esodati, neonati e via dicendo. 

Mi verrebbe da dire, mommy friendly un corno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pari opportunità: Daniela che deve scegliere tra un figlio o il lavoro

next
Articolo Successivo

Il mito del vero uomo

next