Piazza Affari sprofonda e chiude la seduta col Ftse Mib in calo del 4,5 per cento. E’ stato un lunedì nero per Piazza Affari, che si è aggiudicata la maglia nera d’Europa, seguita a stretto giro dalle altre borse del vecchio continente. A partire da Madrid che ha chiuso a -3,77 per cento. I due Paesi, in particolare, hanno risentito delle turbolenze politiche di questi giorni.

I mercati infatti temono una nuova fase di incertezze in vista del voto che a fine febbraio potrebbe sancire il ritorno di Silvio Berlusconi in Italia, mentre in Spagna ha influito la vicenda dei fondi neri che ha coinvolto il premier Mariano Rajoy e che apre alla possibilità di elezioni anticipate anche nel Paese iberico. Chiusura negativa, però, anche per le altre piazze europee: a Parigi l’indice Cac a fine giornata segna -3,01%, a Francoforte il Dax -2,49%, a Londra il Ftse -1,58%, e ad Amsterdam l’Aex -1,65 per cento. 

E mentre la Borsa crolla, lo spread sale: il differenziale tra Btp e Bund supera i 280 punti base per la prima volta dal 9 gennaio e chiude a 285. Il rendimento dei titoli di Stato italiani si attesta al 4,47 per cento.  In netto ampliamento anche il differenziale di rendimento tra la carta decennale spagnola e tedesca: lo spread è risalito sopra i 370 punti base, con il tasso dei Bonos balzato ai massimi da metà dicembre fino al 5,42 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi elettorali: scende il Pd e sale Berlusconi. In attesa dell’effetto Imu

next
Articolo Successivo

Bersani: “La mia proposta? 7,5 miliardi in 3 anni per scuole e ospedali”

next