Microsoft ha rilasciato il nuovo Office 2013, la suite di software tra cui Word, Excel e Power Point. La vera novità è l’ottimizzazione per il touch e il cloud, con la possibilità di accedere ai propri dati dai dispositivi mobile. Con questo lancio l’azienda di Redmond completa il percorso iniziato a ottobre scorso con Windows 8, il sistema operativo rivoluzionato in chiave touchscreen.

In particolare, l’Office 365 Home Premium dedicato alla famiglia è stato completamente reimpostato in chiave cloud, la nuvola sui cui archiviare i nostri dati. L’offerta comprende le applicazioni Office complete, funziona su più dispositivi fino a un massimo di cinque tablet Windows, pc e Mac (ma non ancora su iPhone e iPad). Include inoltre uno spazio di archiviazione extra di 20 Gb su SkyDrive (l’hard disk virtuale di Microsoft), funzionalità per chiamate via Skype (60 minuti gratis al mese per chiamate internazionali) e aggiornamenti futuri. Il costo è di 99 euro per un abbonamento annuale, 10 euro se si opta per un abbonamento mensile. E’ disponibile in 162 mercati e 21 lingue.

L’Office 365 University, invece, è pensato per gli studenti e per il personale docente e non docente delle università. L’abbonamento costa 79 euro per 4 anni, l’equivalente di 1,65 euro al mese. Per il rilascio del nuovo Office 365 per le aziende, invece, bisognerà aspettare il 27 febbraio.

Sul sito della Microsoft è possibile testare gratuitamente per un mese la versione Office 365 Home Premium.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Programmi tv stasera 28 gennaio

next
Articolo Successivo

BlackBerry 10 di RIM in uscita: prezzo e caratteristiche

next