Non sono piaciute a Susanna Camusso, segretario Cgil, le risposte del presidente del Consiglio, Mario Monti sulla possibilità o meno di una manovra correttiva. Il fatto che possa in qualche modo, secondo il Professore, dipendere dall’esito delle prossime elezioni inquieta la sindacalista: “Dovrebbe dire a che punto lascia i conti del Paese e non può sostenere che la manovra ci può essere o non essere a seconda di chi vince. Quello di Monti appare un messaggio minaccioso agli elettori – ha aggiunto Camusso – anche se non si capisce quale sia la minaccia: i conti o sono in ordine o non lo sono, Monti dovrebbe dirci delle due qual è, visto che i conti non possono essere in ordine o in disordine in virtù del voto che deve essere libero”.

“Se Monti pensa che ci siano 30 miliardi in due anni di risposte disponibili, vorrei chiedere come mai non sono investite sul lavoro e per fare politiche che ci permettono di uscire dalla crisi adesso”. Camusso ha poi sottolineato che nel Paese c’è l’abitudine di dire che “si abolirà questo o quell’altro, salvo poi dimenticarsi cosa è stato fatto il momento prima e cosa ci sarà un giorno dopo. Bisogna tutelare soprattutto il potere d’acquisto delle retribuzioni che, come vediamo, invece, non è stato tutelato. Questo Paese si sta esplicitamente impoverendo – ha aggiunto Camusso – una delle ragioni del suo impoverimento è la rassegnazione con cui si fa il blocco dei contratti pubblici, si è scelto da parte dei due precedenti governi di affrontare questa crisi con l’abbassamento del valore del lavoro e delle sue retribuzioni”. Secondo la leader della Cgil queste scelte sono esplicitate anche “con l’accordo sulla produttività, con l’atteggiamento del governo che era quello che bisognava togliere protezione perché doveva esserci salario solo a fronte dell’aumento della produttività”. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, D’Alema a Monti: “Il governo lo forma chi vince, cioè Bersani”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, Minzolini: “Non eleggibile solo se condannato”

next