I nove simboli ‘civetta’ nelle urne non ci saranno. La Cassazione ha bocciato tutti i contrassegni che erano stati ricusati dal Viminale e per i quali i depositanti avevano inoltrato ricorso, rifiutandosi di modificarli. Traquesti anche ‘Monti presidente per l’Europa’ presentato dal Consigliere comunale Samuele Monti e che era stato ricusato dal ministero dell’Interno per il rischio di confondersi con la lista del premier. Il Monti cuneese non ha voluto modificarlo; ora è fuori dalla competizione elettorale. Rigettati anche i ricorsi presentati dai tre simboli della ‘Democrazia Cristiana’. Per effetto di queste decisioni l’unico ‘scudocrociato’ con la scritta ‘Libertas’ sulle schede delle elezioni politiche 2013 resta quello dell’Udc di Pierferdinando Casini. I simboli delle tre ‘Democrazia Cristiana’ erano stati stati presentati al Viminale rispettivamente da Francesco Mortellaro, Gianni Fontana e Alessandro Duce

Ammessi, invece, il logo di Prima il Nord, di Fratelli d’Italia – Centrodestra Nazionale di Ignazio La Russa (bocciato Fratelli d’Italia), di Pensionati e invalidi giovani insieme (contro il quale il Partito Pensionati di Fatuzzo aveva presentato opposizione) di Prima il Nord (rigettata l’opposizione dalla Lega Nord). Sono stati bocciati, inoltre, Grande Sud di Marco Lucio Papaleo (ci sarà solo il Grande Sud di Pippo Fallica, coalizzato con Berlusconi) e Movimento sociale italiano – Destra nazionale Msi-Dn presentato da Maria Cannizzaro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013, psicologia del “voto-utile”

prev
Articolo Successivo

Campania, in 55 lasciano l’Udc per il Pdl. L’obiettivo? Un posto in Senato

next