Basta esitazioni: la stima c’è, è ora di fare un passo avanti . Dopo giorni di tira e molla, di indiscrezioni, mezze conferme e altrettante smentite, Antonio Ingroia mette alle strette Giovanni Favia, consigliere regionale dell’Emilia Romagna e numero uno dei dissidenti del Movimento 5 stelle. E in una lettera apparsa sul sito di Rivoluzione Civile gli chiede di prendere una decisione sulla candidatura nella lista Rivoluzione civile. “Stiamo per chiudere le liste e il tempo degli indugi è finito – scrive l’ex pm palermitano in una lunga lettera pubblicata sul sito di Rivoluzione civile. “Ci vuole il coraggio di un passo avanti; c’è infatti ancora tanto lavoro da fare e tanta strada da percorrere, guardare al passato non aiuta”.

Da giorni il leader degli arancioni e Favia sono in continuo contratto. In gioco un posto a capo della lista Rivoluzione civile in Emilia Romagna, in vista delle prossime elezioni del 24 e del 25 febbraio. Un corteggiamento, che ha avuto il beneplacito di Antonio di Pietro, ma di cui nessuno delle due parti aveva mai parlato apertamente. Fino all’aut aut di oggi: “Non ho alcuna intenzione di fare campagne acquisti – precisa Ingroia – non sarebbe nel mio stile, né tanto meno operazioni di mero tornaconto elettorale a danno di altre forze politiche a noi vicine. È indubbio – prosegue – come riconosciuto dallo stesso Grillo, che Favia sia un giovane e ottimo consigliere regionale, come è certo che, per motivi in merito ai quali non entro, le sue possibilità di continuare a fare politica dentro il Movimento 5 stelle gli siano state precluse”.

Il curriculum, secondo Ingroia, non manca.”Le sue battaglie, che ho avuto modo di conoscere, sul taglio dei costi della politica e degli sprechi nella pubblica amministrazione, sulla lotta contro le caste, sulla difesa dell’ambiente e la tutela del territorio dove gli inceneritori non sono la soluzione dei problemi, sono le benvenute all’ interno di Rivoluzione Civile, che in Parlamento su questi temi, vorrà dare durissima battaglia”. E poi aggiunge: “Crediamo nei valori della competenza, della pulizia morale e difendiamo i principi fondamentali della Costituzione della Repubblica: vogliamo che vengano con noi in Parlamento persone capaci, meritevoli, che abbiano già dimostrato nel loro campo d’azione passione e determinazione”. Basta tentennamenti, quindi: “Spero che Giovanni Favia accetti la candidatura, propostagli personalmente dal sottoscritto nei giorni scorsi”.

Un lungo appello a cui Favia assicura di dare risposta entro poco tempo. “Grazie delle belle parole – risponde su Twitter – ma nella vita alcune scelte non sono facili e chiedono tempo. Oggi terminal point, prometto”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Radio Emilia 5.9, il reality Mtv sulla web radio di Cavezzo

next
Articolo Successivo

Miatralvia, la band musicale che suona oggetti riciclati. Al via lo Spazza Tour 2013

next