Vladimiro Crisafulli si difende. “Ho dato mandato ai miei legali di presentare un’azione nei confronti del Fatto Quotidiano perché sono cose totalmente inventate e non c’è nulla di vero. Non sono mai stato indagato e addirittura la Procura ha chiesto la distruzione delle intercettazioni che mi riguardano”.

Il candidato del Pd alle politiche, leader del partito a Enna, reagisce così alle rivelazioni pubblicate ieri dal nostro giornale, riguardanti alcuni affari del senatore siciliano, che avevano portato i carabinieri a chiedere il suo arresto per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata e turbativa delle gare nel 2008. Sull’edizione in edicola oggi la seconda puntata della vicenda.

Parlando con i giornalisti a Palermo, Crisafulli ha detto che “si tratta solo di una polemica sterile e complottista per mettere in imbarazzo me, il procuratore Grasso e Bersani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dossier Crisafulli: “Così pilota gli appalti e minaccia gli onesti”

next
Articolo Successivo

Elezioni, presentato simbolo identico a quello di M5S. Grillo: “Farlocco”

next