E’ stato dichiarato nullo il sequestro in Svizzera di azioni per un valore di 4 milioni di euro, riconducibili secondo i magistrati della procura di Palermo al “tesoro” di don Vito Ciancimino. La scoperta è stata fatta in collaborazione con le autorità della Confederazione Elvetica e, come ricostruisce il Giornale di Sicilia, riguarda cinque certificati azionari appartenenti alla Matica Holding Sa di Lugano, azienda a sua volta di proprietà della Scl Honding Spa che ha sede in Lussemburgo. Il provvedimento di sequestro, chiesto dai pm ed emesso dal gip con il meccanismo della rogatoria internazionale, è stato però annullato dal tribunale del riesame per motivi di forma e anche di sostanza.

Ma l’inchiesta rimane in piedi e punta sulle attività che il figlio di don Vito, Massimo Ciancimino, continuerebbe a svolgere per nascondere l’enorme patrimonio del padre, ormai sparso in tutto il mondo. La Matica fa capo a Sandro Camilleri, 42 anni, figlio dell’ex sindaco di Palermo Stefano Camilleri, di 78, personaggio considerato molto vicino a Ciancimino padre, morto il 17 novembre 2002. Indagati anche – oltre allo stesso Massimo, superteste dell’indagine sulla trattativa Stato-mafia – la madre, Epifania Silvia Scardino, 80 anni, e la moglie Carlotta Messerotti, di 40.

L’operazione, coordinata dalla Procura, era partita alla fine di luglio, con un’istanza di perquisizione e sequestro per rogatoria, avanzata alle autorità della Svizzera: i pm avevano chiesto di acquisire i valori patrimoniali riferibili agli indagati e alla Matica. A chiedere e ottenere il successivo dissequestro da parte del tribunale del riesame è stata poi la holding di riferimento, la Scl, di cui Sandro Camilleri è procuratore speciale. I cinque certificati azionari della Matica sono relativi alle azioni da 1 a 50.570.684.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Legge “salva Ilva”, per la Procura di Taranto è incostituzionale

next
Articolo Successivo

Pippo Fava e i suoi eredi

next