Questa mattina, alle ore 8.50, è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 4.3 nelle province di Catania e Messina. L’epicentro è stato registrato nel distretto dei Nebrodi, tra Cesarò, Maniace e Randazzo. La scossa principale delle 8.50, avvenuta a dieci chilometri di profondità, è stata seguita da alcune repliche alle 8.58 (magnitudo 2.4) e alle 9.11 (2.5). Dalle prime verifiche effettuate dalla Protezione Civile non risultano, al momento, danni a persone o cose.

Nella notte si sono verificate una serie di scosse in mare, al largo delle coste siciliane, tra i distretti sismici delle Eolie, di Ustica e dei Golfi di Patti e Milazzo. Almeno tre quelle prossime al piccolo arcipelago eoliano: la prima alle 20.06, le altre intorno alle 2 di notte, di magnitudo compresa tra 2.3 e 2.7, localizzate a una profondità tra i 18 e i 218 chilometri. Poco prima delle 21, invece, gli strumenti hanno registrato un terremoto di 2.4 al largo di Ustica, con ipocentro a 21 chilometri di profondità. All’alba, alle 5.36, la scossa di magnitudo 2.4, a una profondità di 118 chilometri, al largo della provincia di Messina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Faida Scampia, arrestato all’alba Antonio Mennetta presunto boss dei Girati

next
Articolo Successivo

Antonio Mennetta, il boss bamboccione ora rimanga in carcere

next