Inflazione e “carrello della spesa” mostrano nel 2012 il maggiore aumento registrato dal 2008. Lo comunica l’Istat. Per quanto riguarda l’inflazione, nell’anno appena concluso il tasso medio è stato del 3% netto, in accelerazione rispetto al 2,8% del 2011. Il “carrello della spesa”, cioè il paniere dei beni maggiormente acquistati dalle famiglie, dal cibo ai carburanti, balza in su del 4,3%, quasi un punto in più dell’aumento registrato nel 2011, il 3,5%. Nel mese di dicembre il tasso di inflazione ha però registrato una frenata, con un + 0,3% rispetto a novembre e un aumento del 2,4% rispetto al dicembre 2011. 

L’inflazione è rimasta invece stabile in dicembre nell’Eurozona: secondo la stima “flash” di Eurostat, il dato annuale è rimasto pari al 2,2% come nel mese precedente. In particolare, secondo la prima stima dell’istituto statistico Ue, l’aumento dei prezzi resta elevato ma si è ridotto nel settore dell’energia (5,2% contro il precedente 5,7%) mentre alimentazione, bevande e tabacco sono aumentati in dicembre del 3,1% (3% in novembre), i servizi dell’1,8% (1,6% in novembre) e i beni industriali esclusa l’energia dell’1,1%, come nel mese precedente. 

Tornando all’Italia, il lieve rallentamento dell’inflazione è soprattutto dovuto all’ulteriore frenata dei prezzi dei beni energetici non regolamentati, che segnano un calo congiunturale dello 0,7% e una crescita tendenziale del 7,7%, dall’11,6% di novembre. Guardando ai diversi settori, l’Istat registra un consistente rialzo mensile dei prezzi dei trasporti (+1,1%); mentre in calo risultano servizi sanitari e spese per la salute (-0,1%). Su base annua i maggiori tassi di crescita si registrano per abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+6,5%), trasporti (+4,6%) e istruzione (+3,0%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antiriciclaggio, stop al bancomat e il Vaticano cambia gli assegni in Germania

next
Articolo Successivo

Il nuovo stadio dell’As Roma si farà: esultano politica e palazzinari

next