“Il fiscal cliff non è sufficiente”. Sono d’accordo sul punto l’agenzia di rating Moody’s e il Fondo monetario internazionale dopo l’accordo raggiunto dal Parlamento americano per evitare il cosiddetto “baratro fiscale”. Secondo Moody’s “servono ulteriori misure per ridurre il deficit: se queste non saranno adottate il rating potrebbe risentirne negativamente”. Infatti l’accordo sul fiscal cliff ha un effetto macroeconomico positivo “perché evita la recessione, che si sarebbe probabilmente verificata in caso di aumento delle tasse per tutti, ma sarà la traiettoria del debito a determinare se l’outlook del rating ‘AAA’ degli Stati Uniti potrà tornare stabile o se il rating americano sarà tagliato ad ‘AA1′”. Moody’s è convinta che “la legge per scongiurare il fiscal cliff non fa ipotizzare un possibile miglioramento del debito pubblico Usa nel medio termine, ma – continua – saranno necessarie ulteriori misure nei prossimi mesi per abbassare il deficit”. Moody’s finora ha confermato la tripla A agli Usa a differenza di Standard & Poor’s che l’ha declassata.

Gerry Rice, portavoce del Fondo Monetario Internazionale, concorda con l’analisi di Moody’s: “Molto resta da fare per mettere le finanze pubbliche americane su una traiettoria sostenibile senza danneggiare la fragile ripresa”. E aggiunge: “E’ determinante aumentare in modo spedito il tetto del debito”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto, nel 2012 crollano le vendite: -20%. Mai così male dal 1979

next
Articolo Successivo

Un miliardo in fumo in sei mesi. Ecco la socializzazione delle perdite finanziarie

next