Sarà Serge Pizzorno, il chitarrista degli inglesi Kasabian, la star di San Silvestro a Bologna, città che, come Modena, ha proibito i botti di fine anno. Pizzorno proporrà un dj set dall’alto della terrazza di Palazzo Re Enzo che affaccia sul Crescentone. Il tutto a partire da poco prima di mezzanotte, quando il tradizionale Vecchione, il fantoccio simbolo dell’anno che se ne va, quest’anno una multicolore Scimmia Meccanica la cui ideazione è stata affidata  al duo artistico formato da  Luciano Paselli  e Matteo Tommaso Petri, sarà data alle fiamme.

Prima di lui, a riscaldare l’ambiente, ci sarà Len, un altro dj rock proveniente dallo storico Bronson di Madonna dell’Albero. La musica verrà spenta verso l’1,30. La festa del 31 dicembre bolognese è stata battezzata “Dallalto” e costerà 100.000 euro. “Un esperimento”, ha spiegato l’assessore alla cultura Alberto Ronchi, “che guarda a un target di giovani, perché si muovono molto, spendono e, anche tramite i social network possono fare promozione della città. Se andrà a buon fine, diventerà il nuovo format del Capodanno bolognese, con il party in piazza dall’alto, appunto, che accompagna il rogo del Vecchione”.

La Scimmia meccanica di PetriPaselli, realizzata dall’Associazione Carnevalesca Volponi di San Matteo della Decima, è alta 11 metri, preparato interamente  con  materiali e colori naturali  e  non inquinanti (legno, paglia, juta, colori ad acqua). Il cantiere in Piazza Maggiore è cominciato la mattina del 30 dicembre.

Oltre alla musica e al grande rogo del vecchione, la facciata di Palazzo Re Enzo  sarà  animata dalle suggestive immagini realizzate per l’occasione da Gianluca Macaluso e Mauro Passaretti per Deep (www.deep-bo.com). Per  raccogliere impressioni, ricordi, immagini invitiamo tutto il pubblico della serata a utilizzare #DALLALTO (d.t.)

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Life and Death, al Link un party di capodanno raffinato e tutto da ballare

next
Articolo Successivo

Indietro Popolo! Il nuovo tour di Cisco parte dal Kalinka di Carpi

next