“Sarò candidato anche nella prossima campagna elettorale e sto lavorando per la creazione di quello schieramento, coalizione o lista che si rifà all’azione del presidente Monti“. Lo ha detto il Presidente della Camera Gianfranco Fini durante l’incontro con la stampa parlamentare a Montecitorio. Fini, inoltre auspica “che Monti accetti di essere il capo della coalizione”. Il leader di Fli in apertura dell’incontro con i cronisti parlamentari ha definito questa legislatura “complessa e travagliata” si è anche detto “contrario al tetto ai mandati per la parte legislativa per le Camere”. Infine due stoccate all’ex alleato ed ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi “sento dire da B. che dobbiamo fare l’unione dei moderati e poi però dialoga per una unione stretta con La Destra di Storace e la Lega di Maroni, che credo – prosegue – siano i primi a non riconoscersi nella definizione di moderati”. Infine sulla sovraesposizione di Berlusconi in tv Fini afferma: “Secondo me si illude di recuperare consensi”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alba Dorata Italia, nasce il nuovo partito di ultradestra: “Ci candidiamo alle politiche”

prev
Articolo Successivo

Liste pulite e salva La Russa, Di Pietro: “La legislatura finisce con leggi ad personam”

next