Il Pdl prende tempo. Mentre Berlusconi prosegue la sua campagna mediatica in grande stile e il capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto prova a dilatare i tempi di approvazione della legge di stabilità, il partito chiede ufficialmente il rinvio delle elezioni di una o due settimane, indicando nel 24 febbraio o nel 3 marzo le date possibili per le urne. Secondo la nota diffusa dal settore elettorale del Pdl, il rinvio è necessario per non “generare caos soprattutto per le elezioni all’estero“.

“Poniamo con forza una questione che non riguarda l’una o l’altra forza politica, ma i diritti di tutti i cittadini italiani, in particolare di quelli residenti all’estero, e, conseguentemente, la regolarità dell’intera procedura elettorale, per evitare caos e contestazioni. Se la data del voto fosse quella ipotizzata del 17 febbraio più di 4 milioni di cittadini italiani residenti all’estero potrebbero non vedersi recapitare in tempo utile i plichi contenenti le schede elettorali”. Il lavoro di “bonifica” degli elenchi, ricorda il Pdl, “normalmente necessita di almeno quattro settimane” e con il voto fissato al 17 febbraio non ci sarebbe il tempo di “effettuare correttamente la convocazione degli aventi diritto al voto”.

Tutto ciò, secondo il Pdl, creerebbe “un caos nei giorni del voto, che all’estero è ulteriormente anticipato di circa venti giorni, con decine di migliaia di cittadini italiani impossibilitati ad esercitare il loro diritto. Di fronte a questo rischio di democrazia elettorale il rinvio di una o due settimane, consentirebbe certamente agli uffici centrali ed esteri di poter operare in maniera precisa e puntuale, senza inficiare il corretto voto all’estero e conseguentemente per il rinnovo del Parlamento”.

Il rinvio delle elezioni al 24 febbraio o al 3 marzo sarebbe dunque, secondo il Pdl “un’opportunità di assoluto buon senso“, che “consentirebbe di realizzare l’intero procedimento elettorale senza alcun rischio”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, con le primarie per i parlamentari si consuma lo spoils system Pd

next
Articolo Successivo

Elezioni, Berlusconi chiede rinvio. Show a Porta a porta: “Avete bisogno di me”

next