L’italiano affonda? No, macché, sta solo facendo immersione: è divertito, nuota contento. Guai a dire il contrario. La formula acchiappa-consensi di B. la conosciamo tutti: ottimismo a go-go. Conosciamo bene anche il messaggio più riuscito: “Meno tasse“. Lo slogan, martellante come il peggiore degli spot tv, ha popolato per anni schermi e pagine di giornali. Nei prossimi mesi, c’è da giurarci, il leader di quel che resta del Pdl ripescherà tutte le sue miracolose ricette. Torneranno a galla solo quelle. L’italiano no: è in apnea e lì ci resta. Le parole dell’uomo “della provvidenza” sono sempre le stesse e ci troveremo a rileggerle e a riascoltarle. Stavolta, però, arriviamoci più preparati. Lasciamo da parte il Bunga Bunga, le olgettine, le amicizie, i processi. Proviamo a immaginarlo vestito (è difficile, lo so) solo da politico. E prendiamo alcuni frammenti degli ultimi 9 anni di promesse sul tema delle tasse. Facciamo parlare i fatti, e chiediamoci perché tanti colleghi che hanno riportato a caratteri cubitali i suoi proclami non gli abbiano chiesto conto delle dichiarazioni contraddittorie. Eppure è davvero difficile non notarle.
 
Berlusconi: Meno tasse sulle persone, sulle imprese e sul lavoro” (5.6.1998, Convention di Forza Italia a Ventimiglia) 
Berlusconi lancia la crociata contro le tasse (25.5.1999, La Stampa)
Berlusconi lancia la sfida fiscale: “Così ridurrò le tasse” (23.9.2000, Il Giornale)
Berlusconi: “Meno tasse dal 2003” (5.5.2002, Il Messaggero)
Fini: “Rispetteremo i patti: meno tasse entro il 2006” (3.3.2004, Il Giornale)
Berlusconi conferma: “Meno tasse entro il 2005” (3.4.2004, La Stampa)
Berlusconi: “Vi taglio le tasse se lavorate tutti un po’ di più” (31.3.2004, Libero)
Berlusconi: “Dal primo gennaio 2005 tutti gli italiani si troveranno meno imposte” (11.6.2004, Repubblica)
Berlusconi: “Riduzione della pressione fiscale per altri 24.000 miliardi” (14.2.2005, Repubblica)
Berlusconi: “Abbiamo provveduto a diminuire le tasse come avevamo promesso” (30.3.2006, Convention di Forza Italia a Matera) 
Berlusconi: “Via il Governo delle tasse” (28.5.2007, Quotidiano Nazionale)
Berlusconi: “Assolutamente falso (…) un aumento delle imposte” (22.5.2010, dichiarazione a Mosca, Sky Tg24)
Berlusconi: “Siamo riusciti a tenere al riparo l’Italia dalla crisi. Abbiamo capito prima e meglio di altri (…) senza promettere nuovi miracoli come invece altri hanno fatto” (23.2.2011, Stati generali di Roma capitale)
Berlusconi: “Siamo stati anche questa volta ligi al nostro impegno di non mettere le mani nelle tasche degli italiani” (30.6.2011, dichiarazione a Palazzo Chigi)
Berlusconi: “Puntare tutto sulla crescita. Nuove tasse sarebbero inconcepibili“. (29.12.2011, TgCom24)
Berlusconi a Monti: “Stop a nuove tasse” (16.5.2012, Qn)
Berlusconi: “No a nuove tasse per famiglie e imprese” (13.7.2012, Corriere)
Berlusconi: “Troppe tasse, abolirò l’Imu” (16.9.2012, Il Giornale)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

L’estremo tentativo di Berlusconi, il “vecchio narcisista”

next
Articolo Successivo

Berlusconi: “Mi candido, anzi no”. E fornisce 5 versioni diverse in un’ora

next