C’è una frase dell’articolo su Repubblica di Roberto Saviano a proposito dell’omicidio nell’asilo di Scampia che fa male come un cazzotto nello stomaco per il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e tutta la classe politica partenopea. “Ieri mi è venuta in mente quella scena di Johnny Stecchino in cui si sente dire: “Il problema di Palermo è il traffico”. Mi è venuta in mente perché – scrive l’autore di Gomorra – oltre alle emergenze rifiuti, alle promesse fatte e non mantenute, ai volti di giovani amministratori sbandierati in campagna elettorale e poi subito allontanati, ciò che accomuna le ultime amministrazioni di Napoli, da ‘piazza Plebiscito liberata’ al ‘Lungomare liberato’ è una costante, sbandierata, senza tregua lotta alle automobili. Ecco, questo è stato il miglior modo per mostrare un rinnovamento di pulizia. Ma la bellezza del lungomare, la luce partenopea e Castel dell’Ovo non sono generate dalla gestione politica. Di bellezza bisogna ancora crearne”.

A cominciare dalle orride periferie di Scampia e Secondigliano, dove è riesplosa una faida di camorra che minaccia di durare a lungo. Ma non solo. Poche settimane fa un ragazzo, Lino Romano, è stato ucciso per strada, in un quartiere del centro, solo perché assomigliava vagamente al vero bersaglio dei clan e perché un sms che avrebbe dovuto avvertire i killer dell’uscita dal portone dell’uomo da colpire è partito in ritardo e non è arrivato in tempo.

Questa è Napoli, purtroppo. Una Napoli che confligge con l’immagine che l’amministrazione comunale sta cercando di costruire con la politica dei grandi eventi: la Coppa America, la Coppa Davis, Ligabue a piazza del Plebiscito, Bruce Springsteen in arrivo, un invito ad Al Pacino a farsi un giro da queste parti. “Possibile – scrive Saviano – che ci si accontenti sempre e solo di dare di Napoli l’immagine-cartolina che ormai puzza di falso e alla quale nessuno riesce più a credere”?

Creare bellezza a Scampia. E’ questa la sfida di Saviano che de Magistris deve raccogliere. Sempre che non sia distratto dalla costruenda lista Arancione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, procuratore capo Messineo “intercettato” a telefono con indagato

next
Articolo Successivo

Mafia, “impianti eolici per finanziare la latitanza di Messina Denaro”

next