C’è una frase dell’articolo su Repubblica di Roberto Saviano a proposito dell’omicidio nell’asilo di Scampia che fa male come un cazzotto nello stomaco per il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e tutta la classe politica partenopea. “Ieri mi è venuta in mente quella scena di Johnny Stecchino in cui si sente dire: “Il problema di Palermo è il traffico”. Mi è venuta in mente perché – scrive l’autore di Gomorra – oltre alle emergenze rifiuti, alle promesse fatte e non mantenute, ai volti di giovani amministratori sbandierati in campagna elettorale e poi subito allontanati, ciò che accomuna le ultime amministrazioni di Napoli, da ‘piazza Plebiscito liberata’ al ‘Lungomare liberato’ è una costante, sbandierata, senza tregua lotta alle automobili. Ecco, questo è stato il miglior modo per mostrare un rinnovamento di pulizia. Ma la bellezza del lungomare, la luce partenopea e Castel dell’Ovo non sono generate dalla gestione politica. Di bellezza bisogna ancora crearne”.

A cominciare dalle orride periferie di Scampia e Secondigliano, dove è riesplosa una faida di camorra che minaccia di durare a lungo. Ma non solo. Poche settimane fa un ragazzo, Lino Romano, è stato ucciso per strada, in un quartiere del centro, solo perché assomigliava vagamente al vero bersaglio dei clan e perché un sms che avrebbe dovuto avvertire i killer dell’uscita dal portone dell’uomo da colpire è partito in ritardo e non è arrivato in tempo.

Questa è Napoli, purtroppo. Una Napoli che confligge con l’immagine che l’amministrazione comunale sta cercando di costruire con la politica dei grandi eventi: la Coppa America, la Coppa Davis, Ligabue a piazza del Plebiscito, Bruce Springsteen in arrivo, un invito ad Al Pacino a farsi un giro da queste parti. “Possibile – scrive Saviano – che ci si accontenti sempre e solo di dare di Napoli l’immagine-cartolina che ormai puzza di falso e alla quale nessuno riesce più a credere”?

Creare bellezza a Scampia. E’ questa la sfida di Saviano che de Magistris deve raccogliere. Sempre che non sia distratto dalla costruenda lista Arancione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, procuratore capo Messineo “intercettato” a telefono con indagato

prev
Articolo Successivo

Mafia, “impianti eolici per finanziare la latitanza di Messina Denaro”

next