Andare in bici mentre nevica si può. La goffa marcia indietro del Comune di Bologna di fronte alle possibili nevicate che dovrebbero cominciare attorno alle 19 di venerdì 7 dicembre, per poi rallentare in serata e di nuovo rafforzarsi nel mattino di sabato 8, arriva dopo che le proteste sui giornali e sui siti web erano diventati motivo di derisione.

Quindi i proprietari di mezzi a due ruote, con o senza motore, contrariamente alla precedente ordinanza emessa un mese e mezzo fa, potranno tranquillamente, e con molta ovvia cautela, percorrere le strade innevate del capoluogo, senza incorrere in sanzioni.

“A seguito dell’emanazione dell’ordinanza neve, sono stati evidenziati al Comune,  da alcune associazioni e imprese, pubbliche e private – recita un comunicato stampa dell’amministrazione comunale -, “i rilevanti problemi  che  un’estensione  generalizzata  del divieto di circolazione in caso  di neve ai mezzi a due ruote comporta, tra l’altro, per l’operatività di servizi postali e di recapito, talora di natura universale”.

Comunicato che prosegue con la rassegnazione di fronte ad un dato che si poteva rilevare anche un mese fa, senza creare ulteriori allarmismi: “Da  una ricognizione successivamente effettuata, è risultato inoltre che vi sono  sia  all’estero  sia  in  Italia  numerose  città,  anche  situate ad altitudini o latitudini maggiori e dunque interessate di norma da rilevanti fenomeni   nevosi   (come  ad  esempio  Bolzano),  in  cui  il  divieto  di circolazione è limitato ai soli autoveicoli. Alla   luce  di  ciò,  l’Amministrazione  comunale  ha  ritenuto  opportuno modificare parzialmente l’ordinanza precedente, stabilendo di circoscrivere il divieto in questione ai soli veicoli a quattro ruote, salvo sempre l’uso di  gomme  termiche  o  catene,  ed  escludendo invece dalle limitazioni le biciclette, i ciclomotori e i motocicli”.

Dietrofront che lascia perplessi per disattenzione e fretta di fronte ad un problema neve che si dovrà perlomeno cominciare a trattare alla pari dell’emergenza caldo dei mesi estivi. Il numero dei mezzi previsti dall’appalto che il Comune ha assegnato e illustrato un mese e messo fa li vede in aumento, ma la sorpresa dell’inverno 2012-13 sarà un innalzamento dei centimetri oltre i quali  gli spazzaneve interverranno:  10 centimetri, invece dei 5 usati fino all’anno scorso.

Sono comunque pronti 196 spazzaneve, 37 spargisale, 39 squadre di personale dedicato alle attività manuali di pulizia marciapiedi comunali e fermate autobus, pari a 56 operatori con 10 turbine spazzaneve e 21 bobcat. Si aggiunge il personale dedicato alle rimozione neve all’interno di aree scolastiche: 100 operatori (con 11 trattori 3 turbine). Ben 4.900 le tonnellate di sale messe in magazzino, cui si sommano 2.500 sacchetti da 10 chili di sale da distribuire ai cittadini e già disponibili presso i Quartieri. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adesca studentesse universitarie con falsi annunci: ecco il video choc

next
Articolo Successivo

Inceneritore di Parma, sequestro respinto dai giudici. Si va verso l’accensione

next