Vi ricordate il Paradosso di Zenone? Achille insegue la Tartaruga, ma per quanto sia velocissimo non la raggiungerà mai. Per quanto corra e si danni l’anima, infatti, ogni volta che Achille, velocissimo, correrà verso di lei, la Tartaruga, lentissima, si sarà comunque spostata da dove era. Risultato: paradossalmente Achille non potrà mai raggiungere la tartaruga.

Ecco, oggi abbiamo il Paradosso della Fornero: se uno lavora in modo indefesso dovrebbe raggiungere (prima o poi) l’età pensionabile. Tuttavia, una volta arrivato alla meta, si accorgerà che la linea d’arrivo sarà stata spostata di qualche anno. Risultato: l’Achille-Lavoratore non potrà mai raggiungere la Tartaruga-Pensione.

Quando ho iniziato a lavorare io, nel 1989, si andava in pensione prima dei 60 anni ed era prevista perfino la Pensione-Baby a 40 anni d’età. Nel tempo la “soglia” è stata spostata a 60, 63, 65…. Oggi il “consiglio” (neppure tanto sottotraccia, ma proprio esplicito) è di lavorare addirittura fino a 75. Ma attenzione, non è finita qui. L’Europa ci bacchetterà fra qualche mese, il nuovo governo dovrà fare nuove riforme lacrime e sangue, il nuovo ministro sarà certamente chiamato a spostare ancora questa soglia dell’età pensionabile. Volete scommettere? (Attenzione, su queste pagine ho già scommesso, due o tre anni fa, con qualche lettore. Dato quel che vediamo oggi direi che ho vinto io, purtroppo…)

La verità è che il pensionato costa e non rende, consuma meno, fa ricorso ai servizi gratuiti dello Stato, ed è un pessimo cittadino secondo le regole correnti. Meglio che resti lavoratore, consumatore, contributore per tutta la vita. Rende di più. E poi c’è il problema dei nati tra il ’55 e il ’65, i baby-boomers: sono troppi, tutti insieme, sono un’onda anomala che farebbe saltare il banco. Necessario diluirla il più possibile. Meglio ancora se, mentre la si spalma fino a novant’anni, la maggior parte muore. Prima di andare in pensione!

Cari sostenitori del lavoro, della crescita, di questo meraviglioso sistema: il contratto che avevamo stipulato col Sistema continua a essere cambiato unilateralmente. Siete sicuri di volerlo ancora onorare? Uno dei due contraenti (il lavoratore, cioè ognuno di noi…) continua a rispettare quell’accordo: va a lavorare, paga le tasse, si aspetta di avere in cambio servizi, sanità, pensione; l’altro (lo Stato) no: alcune cose non gliele dà più, altre le sta cambiando. Continuereste a pagare un’auto che non vi verrà consegnata? Ecco, è quello che state facendo….

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione, Monti: “La politica ha pensato solo al consenso elettorale”

next
Articolo Successivo

Equo compenso ai giornalisti precari e autonomi, approvata la legge

next