Il maltempo dei giorni scorsi non ha risparmiato nemmeno gli scavi di Pompei. Una porzione di muro romano di circa due metri cubi è crollata, probabilmente a causa delle forti precipitazioni. La domus danneggiata si trova nella regio VI, una zona della città antica scavata agli inizi dell’800 e già da tempo chiusa al pubblico. La messa in sicurezza dell’area è una delle priorità del “Grande Progetto Pompei“. Anche l’anno scorso, di questi tempi, Pompei aveva subito danni significativi, con danni alla casa di Diomede e alla casa di Loreio Tiburtino.

La Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei ha evidenziato il “cedimento di un tratto di circa due metri cubi di muratura in opera mista pertinente a una domus lungo il vicolo di Modesto nella regio VI”. I tecnici della Soprintendenza hanno effettuato un sopralluogo insieme ai Carabinieri, titolari delle indagini su tutti crolli avvenuti nelle aree interessate dal progetto del ministero dei Beni culturali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Antimafia, la denuncia: “Smembrata la squadra ‘catturandi’ di Palermo”

prev
Articolo Successivo

Camorra, a Torre Annunziata donne incinte e minori per spacciare droga

next