Il maltempo dei giorni scorsi non ha risparmiato nemmeno gli scavi di Pompei. Una porzione di muro romano di circa due metri cubi è crollata, probabilmente a causa delle forti precipitazioni. La domus danneggiata si trova nella regio VI, una zona della città antica scavata agli inizi dell’800 e già da tempo chiusa al pubblico. La messa in sicurezza dell’area è una delle priorità del “Grande Progetto Pompei“. Anche l’anno scorso, di questi tempi, Pompei aveva subito danni significativi, con danni alla casa di Diomede e alla casa di Loreio Tiburtino.

La Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei ha evidenziato il “cedimento di un tratto di circa due metri cubi di muratura in opera mista pertinente a una domus lungo il vicolo di Modesto nella regio VI”. I tecnici della Soprintendenza hanno effettuato un sopralluogo insieme ai Carabinieri, titolari delle indagini su tutti crolli avvenuti nelle aree interessate dal progetto del ministero dei Beni culturali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antimafia, la denuncia: “Smembrata la squadra ‘catturandi’ di Palermo”

next
Articolo Successivo

Camorra, a Torre Annunziata donne incinte e minori per spacciare droga

next