Domenica scorsa si è svolta la giornata contro la violenza delle donne. Anche in medicina esiste una violenza sulle donne ancor più grave essendo più indifese nell’imminenza del parto. Questa violenza, programmata con il guadagno e con l’orologio del medico, si chiama parto cesareo. Ancora oggi la percentuale è elevatissima in tutte le regioni, al contrario delle percentuali che l’Organizzazione Mondiale della Sanità considera come eque, per il bene del nascituro e della puerpera.

Il Presidente del Consiglio Mario Monti ha voluto “preparare” i cittadini italiani, in contraddizione con l’articolo 32 della Costituzione Italiana, alla possibilità di non riuscire a coprire i conti nazionali riguardanti la sanità pubblica.

Caro sig. Presidente non possiamo iniziare a controllare chi della medicina ne fa uso improprio? Quanto si potrebbe risparmiare invece di continuare a chiedere? Potrebbe prendere spunto, se proprio non avesse altre idee chiare, da questo spezzone di film degli anni sessanta, purtroppo ancora attuale, per  fare uno studio di quanti parti cesarei , non obbligati, si eseguono durante la notte ed i giorni di vacanza!

Sig. Presidente faccia un regalo a tutti gli italiani, in prossimità della “Natività“, non tolga anche la possibilità di curarci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tv, c’era una volta l’intervallo

prev
Articolo Successivo

Famiglia homoparentale

next