Pasquale Iamone ha confessato. E’ stato lui a uccidere la moglie 36enne, Antonietta Paparo, l’11 novembre a San Sebastiano al Vesuvio in provincia di Napoli. L’uomo, 38 anni, ha smentito la versione fornita in un primo momento alla polizia, quando aveva detto che la donna era stata colpita tre volte con un coltello in un tentativo di rapina. La sua versione dei fatti non ha convinto i poliziotti, che hanno continuato a interrogarlo per tutta la notte, fino a strappargli la confessione.

Dopo aver colpito la moglie con tre coltellate, Iamone l’ha accompagnata al pronto soccorso  dell’ospedale Villa Betania di Napoli, dove la donna è giunta già priva di vita. La coppia, originaria di Cercola, hinterland napoletano, si era appartata in macchina a San Sebastiano al Vesuvio, in zona Capriccio, dove sarebbe avvenuto il delitto. In un primo momento Iamone ha provato a convincere la polizia che due uomini avrebbero avvicinato l’auto nel tentativo di rapinarli.

Il fatto che l’uomo non avesse riportato ferite ha insospettito gli agenti, che hanno sottoposto l’uomo a una serie di domande, fino a farlo crollare. La mobile ha svolto una serie di sopralluoghi in zona Capriccio, che hanno portato al ritrovamento dell’arma del delitto, un coltello. Sul terreno, oltre che sulla lama, sono state rinvenute diverse tracce di sangue. Gli investigatori sono orientati a pensare che l’omicidio sia a sfondo passionale: la relazione tra i coniugi era da tempo in crisi e anche il rapporto tra le due famiglie di origine sarebbe stato, secondo gli inquirenti, caratterizzato da frequenti tensioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria Blogging Day, solidarietà su Twitter per il popolo siriano

prev
Articolo Successivo

Bari, siete incinte? Niente rinnovo. A casa tre anestesiste: “Nessuna discriminazione”

next