Obama stavolta non è il presidente degli Stati Uniti, il comandante-in-capo, l’uomo di tutti. E’ il presidente di metà degli Stati Uniti, la metà povera, “strana”, irregolare, precaria, negra.

Questa è la sua vittoria, molto più grande del quasi plebiscito di quattro anni fa. L’America si è misurata, stavolta. Non speranze generiche, in questo caso, non paura; ma consapevolezza degli schieramenti – poveri contro ricchi – e determinazione.

Quanta lezione per l’Italia, quanta speranza. Giorgio, uno dei nostri ragazzi-giornalisti della rete dei Siciliani giovani, è appena arrivato a Torino con la sua valigia di emigrante, come migliaia e migliaia di sicilianiprima di lui. Forza, Giorgio! Capace che stavolta ce la facciamo.

Vienimi a trovare anche su www.isiciliani.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Non ti ho mai amata così tanto”. La dedica di Barack

prev
Articolo Successivo

Elezioni Usa, Obama vince ma il paese è diviso. La Camera resta ai Repubblicani

next