Il Movimento Cinque Stelle è diventato il primo partito della Sicilia, con soli 25 mila euro di campagna elettorale, al netto delle coalizioni che hanno portato all’elezione di Crocetta” mentre il Financial Times, così come il Fatto, metteva in rilievo questo fatto incontestabile, c’è chi su Twitter si adoperava a contestarlo, ossia Giuliano Ferrara: “Vedo che Grillo in Sicilia ha rimediato il solito flop“.

E, quando gli stessi giornalisti del Foglio hanno fanno notare al loro direttore di aver scritto che il Movimento Cinque Stelle è il primo partito della Sicilia, lui ha replicato “in elezioni regionali il concetto di primo partito è inesistente”.

 

Come se non bastasse, sul Foglio di oggi appare: “in questo delizioso paese a colori, credulone e disincantato insieme, cinico e bugiardo, Beppe Grillo, la versione finale e suprema dell’analfabetismo politico a pancia piena, lascia che una pletora di lecchini travestiti da Giornalista Collettivo dica per lui: – Ha vinto, è arrivato tre”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diffamazione, ddl rinviato in Commissione al Senato per articolo 1

prev
Articolo Successivo

Da Casaleggio a Gori, gli spin doctor manipolano le menti?

next