Cari amici, ho fatto un’eccezione. Ho scelto una mia canzone solo perché è dedicata a Thomas Sankara: questa settimana è l’anniversario dell’uccisione del leader del Burkina Faso che portò in Africa democrazia, libertà e fratellanza. Leggete i suoi discorsi. Sankara proponeva che i Paesi africani non pagassero i debiti con i paesi ricchi, gli ex-colonizzatori. Parlava di giustizia, uguaglianza, rispetto. Sankara era un uomo giusto, per questo lo hanno ucciso nel 1987. Ma le armi non cancellano, non fermano le idee. E Sankara ci può accompagnare in questa settimana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tinto Brass: “Nel mio film erotico Gelmini, Minetti e Renzi”

next
Articolo Successivo

“Cogan”: la politica, sottofondo vuoto della realtà americana

next